Marsala, Il comune rinuncia a procedere contro il quotidiano TP24.it

103

Questa mattina il Comune di Marsala ha deciso di rinunciare agli atti di procedimento in sede civile contro la testata marsalese TP24, in cui chiedeva 50 mila euro di risarcimento.

Il Comune ha rinunciato a proseguire la causa iniziata dall’allora sindaco Giulia Adamo. Un caso che fece il giro d’Italia, un sindaco che in nome della città cita in giudizio una testata solo per il lavoro di inchiesta e approfondimento sull’operato dell’amministrazione. La rinuncia del Comune è arrivata questa mattina, e mette il punto di conclusione a una vicenda che aveva dell’assurdo. Per questo motivo il direttore Giacomo Di Girolamo, assistito dall’avvocato Valerio Vartolo, ha accettato la rinuncia da parte del Comune, senza chiedere il risarcimento delle spese e gli eventuali danni per quanto subito da una causa infondata, per non far pesare ancora di più sulle casse dell’ente la vicenda. L’ex sindaco Giulia Adamo, infatti, aveva nominato un avvocato di fiducia, Corrado Di Girolamo, pagandolo con i soldi del Comune.

SHARE