Contenzioso Trapani-Erice, Fazio replica a Tranchida

97

A poche ore dalle esternazioni del Sindaco di Erice Giacomo Tranchida (leggi) a proposito del  contenzioso fra Trapani ed Erice, relativo al costo del ciclo dei rifiuti e alla recente sentenza della corte d’appello di Palermo, giunge la replica dell’ex sindaco di Trapani, attuale deputato regionale, Girolamo Fazio.[su_spacer]

“A Tranchida piace confondere il rifiuto con il consenso ma, al di la dei calembour, egli sa bene quale è la verità e meglio avrebbe fatto a rimanere in silenzio. Di solito lascio che parlino gli atti, amministrativi o, come nel caso della sentenza della Corte di appello di Palermo, giudiziari, ma visto che Tranchida continua ad agitare il vessillo della tassa dei rifiuti di Erice più bassa di quella di Trapani, e continua a sostenere che questa fosse la più alta in assoluto, mi sento di avanzare alcune considerazioni:[su_spacer]

  1. Non è vero che la tassa sui rifiuti di Trapani fosse la più alta in assoluto, e quella di Erice è stata tenuta più bassa proprio perché le amministrazioni ericine, e poco importa da chi fossero rette, hanno fatto pagare al comune di Trapani servizi sui quali in atto vi sono ancora contenziosi. Vale la pena ricordare che quello risolto dalla Corte di Appello di Palermo è un contenzioso che fa rifermento agli anni dal 1992 al 2001, ma ve ne sono altri per gli anni successivi per un ammontare di ben oltre i 600mila euro, ancora da risolvere.

  2. Tranchida non considera la irrisolta questione relativa la fatto che il comune di Erice, grazie alla follia della linea di confine tra i due comuni, di fatto scarica parte dei rifiuti nei cassonetti del comune di Trapani. A queste condizioni è facile far salire le percentuali di spazzatura riciclata.

  3. Per quanto riguarda la gestione del ciclo dei rifiuti: Trapani Servizi, come dice Tranchida non sarà stata un fulmine di guerra ma la gestione fallimentare dell’Ato, la sua finta raccolta differenziata, le numerose inchieste che hanno investito proprio il ciclo di rifiuti nell’Ato Terra dei Fenici, non mi sembra siano da portare ad esempio. Almeno da questo punto di vista posso affermare “io l’avevo detto” che l’Ato era un carrozzone ed è stato meglio starne fuori.

  4. A Tranchida piace sempre giocare agli schieramenti ma gli ricordo che la spazzatura non è di destra, nè di sinistra. È solo ingombrante ed inquinante e va tolta dalle strade. Io sono riuscito a farlo, fino a quando ho governato la città. Si chieda se lui e l’Ato hanno potuto fare lo stesso.

  5. Per quanto attiene al contenzioso posso dire che per fortuna non decidiamo né io, né Tranchida, ma decide la magistratura. Nel contenzioso tra i Comuni di Trapani ed Erice, deciderà la magistratura civile, che non è meno attenta alla legalità del sindaco Tranchida”.

SHARE