Possibile chiusura C.A.R.A. Salinagrande, Navetta: “Chiudere in questo momento sarebbe un controsenso”

177

Attraverso un nota stampa, uno dei responsabili della porta Trapani-Erice di Italia Unica, Daniele Navetta, ha espresso le proprie preoccupazioni sulla ventilata chiusura del C.A.R.A. di Salinagrande Trapani (Centro Accoglienza Richiedenti Asilo politico). [su_spacer]

“In questi giorni – si legge nella nota – si è appreso che il C.A.R.A. di Salinagrande Trapani (Centro Accoglienza Richiedenti Asilo politico) verrà chiuso entro la fine del prossimo mese di maggio. Le notizie che circolano, trovano anche conferma nel trasferimento di un centinaio di migranti in altri centri al fine di svuotare totalmente la struttura. La struttura di Salinagrande rappresenta la struttura più grande presente in provincia di Trapani ed in questo momento di grande necessità di posti per accogliere migranti, sembra un controsenso. Ci si pone pertanto una semplice domanda, come mai questa decisione in un momento di emergenza “immigrazione” e con problemi spesso di accoglienza come le settimane scorse con sbarchi di miglia di uomini, donne e bambini? Altro aspetto che ci si pone riguarda i lavoratori che operano al centro CARA, che fine faranno? Che salvaguardia ci sarà per questi lavoratori con la chiusura del centro, tenuto conto che attualmente la gestione è affidata alla Cooperativa Badia Grande? Ci sono salvaguardie per i posti di lavoro? Si richiamano le parti interessate dal Prefetto di Trapani ed a tutte le parti sociali interessate e coinvolte a vigilare e verificare che quanto si prospetta non diventi un altro momento di perdita di posti di lavoro, di penalizzazione del sistema economico sul nostro territorio”.

 

SHARE