Comune di Trapani e co-marketing, le precisazioni del Sindaco Damiano

122

Di seguito la nota del sindaco Vito Damiano, in merito all’azione di co-marketing alla quale partecipa il comune di Trapani.

“In relazione alle notizie relative all’azione di co-marketing che continuano a riportare commenti e considerazioni dei più disparati soggetti, anche non informati o non coinvolti nel complesso processo, ma che da tempo ormai vanno in un’unica direzione e cioè quella di attribuire falsamente al sottoscritto responsabilità in ordine, alternativamente, a ipotizzate chiusura dell’aeroporto di Birgi, crollo del flusso turistico in Città, cancellazione di tratte, abbandono dell’aeroporto da parte della compagnia Ryanair ed altre similari farneticanti congetture, preciso:[su_spacer]

1. l’Amministrazione comunale di Trapani (Giunta comunale) ha deliberato lo scorso anno la partecipazione del Comune di Trapani alla cosiddetta azione di co-marketing, di durata triennale, sulla base di un’intesa condivisa da tutti gli altri Comuni della provincia e della locale Camera di Commercio;
2. la stessa Amministrazione, ancor prima di adottare la delibera e presentarla al Consiglio comunale (che l’ha poi approvata), ha voluto rappresentare a tutti i Sindaci della provincia talune incongruenze esistenti nell’accordo sottoscritto fra la gran parte dei Sindaci e il
Presidente della CCIAA, afferenti le rispettive competenze e responsabilità nel conferimento del mandato per la sottoscrizione del contratto con la AMS ltd., società irlandese incaricata della promozione del territorio trapanese; a seguito di ciò questa Amministrazione ha
rielaborato l’accordo fra Comuni e CCIAA, in quanto non condiviso in alcune parti;
3. con l’approvazione del bilancio di previsione (dicembre 2014) il Comune di Trapani, come tanti altri Comuni, ha provveduto a versare la propria quota (€ 300.000) prima non erogabile, assumendo l’impegno economico del versamento di altre analoghe somme per gli anni 2015 e 2016;
4. in occasione di recente incontro presso la CCIAA con gli “attori” dell’azione di co-marketing, è stato riproposto dal Comune di Trapani il modificato schema di accordo definitivo fra Comuni e CCIAA che, quindi, avrebbe potuto essere sottoscritto da tutti i convenuti e sul quale la CCIAA si era riservata di decidere;
5. a seguito dell’irrigidimento della stessa CCIAA, che nella riunione di oggi 5 maggio non ha inteso apportare all’accordo le modifiche richieste, e per evitare che ancora una volta qualcuno potesse attribuire al sottoscritto ulteriori, inesistenti responsabilità, ho proceduto alla – a mio avviso – inutile sottoscrizione dell’accordo originario, precisando:
– che il Comune di Trapani ha adempiuto gli impegni assunti, versando, a bilancio approvato, la quota di € 300.000; 
– che il Comune di Trapani ha già disposto, ancor prima di tanti altri Comuni, il pagamento alla CCIAA del 25% (€ 75.000) della quota 2015;
– che promuoverà ogni opportuna azione legale nei confronti di chiunque diffonderà ulteriormente notizie false e infondate sulla questione, che gettino discredito sulla propria persona, di fatto diffamandola.[su_spacer]

Ritengo, pertanto, che la questione sia ormai definitivamente chiarita e tacitata ogni polemica sterile e/o strumentale, che non avrebbe dovuto avere cittadinanza sugli organi di informazione se non dopo serie ed accurate verifiche.
Ricordo, infine, che l’azione di co-marketing nulla ha a che vedere con la gestione aeroportuale, lo sviluppo dello scalo e la ricerca di nuove, più convenienti rotte, in ordine alle quali altri sono i “protagonisti”.

SHARE