Favignana, all’ex stabilimento Florio il IV Seminario Gruppi di Azione Costiera italiani

0

In corso di svolgimento nell’affascinante location dell’Ex Stabilimento Florio di Favignana, il IV Seminario nazionale Gruppi di Azione Costiera italiani dal tema “Dal FEP al FEAMP: i FLAG nella nuova programmazione 2014-2020”.[su_spacer]

Invito_Programma_SemNazionale_20GAC_20Italiani_20Favignana_Pagina_1_283_29L’iniziativa, fortemente voluta dal Dipartimento Pesca della Regione Siciliana e dal Coordinamento dei GAC Siciliani con il supporto tecnico di UNIMAR – struttura già incaricata di supportare il Ministero delle Politiche Agricole nell’ambito del FEP 2007-2013,  ha preso il via ieri e si concluderà nel pomeriggio di oggi. Nella prima parte del Seminario è stato affrontato lo “Stato di attuazione dell’Asse IV: monitoraggio sulle azioni realizzate e dati finanziari” e a seguire “Il superamento delle criticità emerse nel periodo di programmazione FEP – prospettive e soluzioni”.

Alla presenza di esperti e dirigenti della Regione Siciliana, del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, di personale e rappresentanti di ben 21 Gruppi d’azione Costiera Italiani, di diverse regioni italiane, di FARNET (struttura di supporto tecnico alla Direzione Pesca dell’Unione Europea), una sessione dei lavori è stata dedicata all’ “Esperienza dei GAC in qualità di Organismi Intermedi” e poi all’interessante approfondimento “Dal FEP al FEAMP  le due programmazioni a confronto: il nuovo accordo di partenariato e la definizione della strategia di sviluppo locale”.[su_spacer]

Invito_Programma_SemNazionale_20GAC_20Italiani_20Favignana_Pagina_2_281_29Questa mattina si terrà la presentazione in sessione plenaria de “La metodologia del CLLD nell’affrontare diversi tipi di problemi a livello locale: le novità del CLLD:  strategie ed obiettivi specifici e la necessità di una rete nazionale dei FLAG”. A seguire si parlerà dei “Gruppi d’azione locale per lo sviluppo sostenibile: l’esperienza della Regione Siciliana” e, a cura del Direttore dell’Area Marina Protetta delle Isole Egadi, Stefano Donati, delle “Aree Marine Protette e Pesca sostenibile”.[su_spacer]

I Gac sono strutture che attuano progetti di sviluppo e gestione finanziamenti rivolti, prioritariamente, ai pescatori, cercando di rafforzare la competitività delle zone di pesca, ristrutturare e orientare le attività economiche, promuovendo pesca-turismo ed itti – turismo senza determinare un aumento dello sforzo di pesca.[su_spacer]

“Ospitare un seminario così prestigioso è motivo di vanto in un momento  delicato per le isole minori – dichiara il presidente del Gac Isole di Sicilia, Giuseppe Pagoto – e al riguardo mi preme ringraziare il Ministero delle Politiche Agricole, la DG Mare dell’Unione Europea, il Dipartimento Pesca della Regione e il Coordinamento dei GAC siciliani. Cercheremo di fare il possibile, anche proponendo nuovi progetti con la prossima programmazione, affinchè i pescatori, custodi autentici delle tradizioni isolane ma anche garanti della tenuta sociale dei nostri territori,  abbiano opportunità per migliorare il loro reddito e valorizzare il loro pescato”.

condividi