Favignana, all’ex stabilimento Florio il IV Seminario Gruppi di Azione Costiera italiani

196

In corso di svolgimento nell’affascinante location dell’Ex Stabilimento Florio di Favignana, il IV Seminario nazionale Gruppi di Azione Costiera italiani dal tema “Dal FEP al FEAMP: i FLAG nella nuova programmazione 2014-2020”.[su_spacer]

Invito_Programma_SemNazionale_20GAC_20Italiani_20Favignana_Pagina_1_283_29L’iniziativa, fortemente voluta dal Dipartimento Pesca della Regione Siciliana e dal Coordinamento dei GAC Siciliani con il supporto tecnico di UNIMAR – struttura già incaricata di supportare il Ministero delle Politiche Agricole nell’ambito del FEP 2007-2013,  ha preso il via ieri e si concluderà nel pomeriggio di oggi. Nella prima parte del Seminario è stato affrontato lo “Stato di attuazione dell’Asse IV: monitoraggio sulle azioni realizzate e dati finanziari” e a seguire “Il superamento delle criticità emerse nel periodo di programmazione FEP – prospettive e soluzioni”.

Alla presenza di esperti e dirigenti della Regione Siciliana, del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, di personale e rappresentanti di ben 21 Gruppi d’azione Costiera Italiani, di diverse regioni italiane, di FARNET (struttura di supporto tecnico alla Direzione Pesca dell’Unione Europea), una sessione dei lavori è stata dedicata all’ “Esperienza dei GAC in qualità di Organismi Intermedi” e poi all’interessante approfondimento “Dal FEP al FEAMP  le due programmazioni a confronto: il nuovo accordo di partenariato e la definizione della strategia di sviluppo locale”.[su_spacer]

Invito_Programma_SemNazionale_20GAC_20Italiani_20Favignana_Pagina_2_281_29Questa mattina si terrà la presentazione in sessione plenaria de “La metodologia del CLLD nell’affrontare diversi tipi di problemi a livello locale: le novità del CLLD:  strategie ed obiettivi specifici e la necessità di una rete nazionale dei FLAG”. A seguire si parlerà dei “Gruppi d’azione locale per lo sviluppo sostenibile: l’esperienza della Regione Siciliana” e, a cura del Direttore dell’Area Marina Protetta delle Isole Egadi, Stefano Donati, delle “Aree Marine Protette e Pesca sostenibile”.[su_spacer]

I Gac sono strutture che attuano progetti di sviluppo e gestione finanziamenti rivolti, prioritariamente, ai pescatori, cercando di rafforzare la competitività delle zone di pesca, ristrutturare e orientare le attività economiche, promuovendo pesca-turismo ed itti – turismo senza determinare un aumento dello sforzo di pesca.[su_spacer]

“Ospitare un seminario così prestigioso è motivo di vanto in un momento  delicato per le isole minori – dichiara il presidente del Gac Isole di Sicilia, Giuseppe Pagoto – e al riguardo mi preme ringraziare il Ministero delle Politiche Agricole, la DG Mare dell’Unione Europea, il Dipartimento Pesca della Regione e il Coordinamento dei GAC siciliani. Cercheremo di fare il possibile, anche proponendo nuovi progetti con la prossima programmazione, affinchè i pescatori, custodi autentici delle tradizioni isolane ma anche garanti della tenuta sociale dei nostri territori,  abbiano opportunità per migliorare il loro reddito e valorizzare il loro pescato”.

SHARE