Calatafimi, l’Anpi ricorda il partigiano Gaetano Di Blasi

161

Si è svolta sabato 9 maggio a Calatafimi, una manifestazione dell’Anpi patrocinata dal Comune, in ricordo del partigiano Gaetano Di Blasi medaglia d’argento al valor militare per aver combattuto contro i nazifascisti a  Poggio di Otrocoli, provincia di Terni, in Umbria. Di Blasi fu gravemente ferito dopo uno scontro a fuoco con i nazifascisti e morì dopo una notte, assistito da un altro partigiano siciliano: Orazio Costorella di Misterbianco.[su_spacer]

La manifestazione, che si è svolta presso la biblioteca comunale, ha visto la partecipazione degli studenti della scuola media Vivona, del sindaco di Calatafimi  Vito Sciortino, del Presidente provinciale dell’Anpi Aldo Virzi’ e di quello regionale Ottavio Terranova.

La storia di Gaetano Di Blasi è stata segnalata all’Anpi provinciale dal partigiano umbro Alfredo Petrini che, avendo conosciuto il partigiano siciliano, ha voluto far in modo che questo nostro concittadino morto da eroe venisse ricordato sia in Umbria che nel suo comune di nascita.[su_spacer]

La storia di Di Blasi è una delle tante che l’Anpi sta raccogliendo per ricordare i tanti siciliani, e quelli della provincia di Trapani in particolare, che hanno combattuto al Nord  contro i nazifascisti, a conferma di come la resistenza sia stata una lotta per la libertà del Paese che ha accomunato tutta l’Italia.

La manifestazione si è conclusa con il corteo degli studenti che insieme ai rappresentanti delle istituzioni e dell’Anpi hanno deposto due corone di fiori nel Largo intitolato a Gaetano Di Blasi, che pur con enorme ritardo ora sarà ricordato dai suoi concittadini come un eroe della resistenza.

SHARE