Trapani, Perseguitava la vicina, emesso divieto di avvicinamento

131

Nella giornata del 16 maggio, il personale della Polizia di Stato in servizio presso la III Sezione della Squadra Mobile di Trapani (Reati contro la persona, in pregiudizio di minori e reati sessuali), ha dato esecuzione all’ordinanza applicativa della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Trapani,  nei confronti di A. G. di anni di 47 anni abitante a Trapani, autore del reato di atti persecutori nei confronti di una vicina di casa.[su_spacer]

 Secondo le indagini, A.G poneva in essere condotte persecutorie nei riguardi della persona offesa e del suo nucleo familiare ingenerando in essi un perdurante stato d’ansia e di paura. Gli episodi di danneggiamento alle autovetture, di aggressioni fisiche nonché le continue minacce di morte, iniziate già da alcuni anni, avevano avuto un aumento esponenziale ed allarmante nell’ultimo periodo anche quando l’indagato era stato raggiunto da un provvedimento di ammonimento del sig. Questore di Trapani.[su_spacer]

Alla luce delle emergenze investigativa il GIP di Trapani ha imposto ad A.G. il divieto di avvicinarsi (compatibilmente con la possibilità di fare ingresso nella propria residenza) all’abitazione ed ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa mantenendo, comunque, una distanza non inferiore a 50 metri nell’eventualità di un incontro casuale.

SHARE