Il Movimento Trapani Cambia si schiera contro il DDL sulla “Buona scuola”

93

Anche Trapani Cambia ha deciso di sostenere tutti quei docenti e studenti contrari al Ddl sulla Buona scuola, varato pochi giorni fa dal Governo Renzi, “perché non si tratta di una riforma che ridetermina in meglio il governo di una scuola ma di un disegno di legge scellerato con cui si decreta  la morte della scuola pubblica, la morte della libertà di insegnamento e di apprendimento”.[su_spacer]

“Nonostante le forti e incessanti mobilitazioni tenutesi in tutto il territorio nazionale, il disegno di legge, da poco approvato alla Camera, continua a contenere norme inaccettabili per il personale della scuola: l’esclusione di molti precari dalla stabilizzazione, la chiamata diretta dagli albi territoriali, la marginalizzazione del principio di contrattazione con le rappresentanze sindacali, un sistema di ripartizione inaccettabile delle risorse alle scuole, l’assenza totale di risorse per il rinnovo del contratto scaduto da oltre sei anni sono solo alcuni dei punti più inaccettabili nel disegno di legge. Per tale ragione -fanno sapere gli esponenti del Movimento – riteniamo opportuno continuare a protestare non come insegnanti, o alunni ma come cittadini che ritengono che tale riforma vada  contro l’interesse del paese a una vita scolastica più adeguata alla realtà dei tempi, più vicina ai cittadini, più in grado di preparare i giovani ad affrontare i problemi di una società in profonda crisi a causa delle diseguaglianze tra una piccola classe di privilegiati, che godono di retribuzioni enormi, e una grande massa di cittadini, tra cui i docenti, che vivono in uno stato di bisogno”.[su_spacer]

Trapani cambia, insieme alla Rete degli Studenti Medi, ha deciso quindi di promuovere un incontro pubblico con i senatori del territorio che si terrà il 25 Maggio alle ore 17 presso l’Istituto Comprensivo Ciaccio Montalto. All’incontro sarà presente anche Fabrizio Bocchino, vice presidente della Commissione istruzione del Senato. La cittadinanza è  pertanto invitata a partecipare : docenti, studenti e genitori.

SHARE