Streetball al PalAuriga, che successo!

115

Straordinario successo del torneo di Streetball, che si è svolto al PalAuriga nell’ultimo weekend. Una vera festa di basket a cui hanno preso parte 22 squadre e circa 300, fra ragazze e ragazzi, nati tra il 2003 e il 2005.[su_spacer]

Sotto la supervisione dei responsabili d’area della Pallacanestro Trapani, rispettivamente Fabrizio Canella per il settore giovanile e Malì Pomilio per il minibasket, hanno partecipato gli Esordienti di Pallacanestro Trapani, PMS Basketball (Torino), Basket dei Giovani Palermo, Nuova Marsala, Virtus Trapani, Don Bosco Livorno, Avatar Alcamo e Pallacanestro Picentia (Napoli), e gli Aquilotti di Pallacanestro Trapani, Pallacanestro Campobello, Miniplay Basket Canicattì, Real Basket Agrigento, Gimnic Club Palermo, A.S.D. Cestistica Licata, Master Palermo, Zanella Basket Cefalù, Avatar Alcamo e Pallacanestro Bagheria.[su_spacer]

premiazioneIn ben cinque campi, allestiti per l’occasione, si è svolto uno spettacolo di sport puro, che ha coinvolto anche centinaia di genitori. E’ chiaro che in occasioni del genere, l’insieme di colori, di dialetti e l’amore per la pallacanestro siano il tema preminente della manifestazione. Naturalmente, però, c’è anche un aspetto agonistico che va preso in considerazione, anche se si deve tener conto che le categorie degli Esordienti e degli Aquilotti sono all’interno del “recinto” del mini basket. Così, ricordiamo che nella categoria Esordienti si è aggiudicata il Torneo la Don Bosco Livorno, che ha superato in finale la Pms Torino. Negli Aquilotti, invece, affermazione dell’Avatar Alcamo, che nell’atto conclusivo ha battuto la Pallacanestro Trapani. A completare la festa, si sono confrontate anche che le due squadre femminili (categoria under 15) della Virtus Trapani e della Verga Palermo. “I fini educativi e di socializzazione – spiega Fabrizio Canella, responsabile tecnico del settore giovanile della Pallacanestro Trapani – sono chiaramente di primaria importanza. Fornire a questi ragazzi l’opportunità per confrontarsi con pari età di altre città, anche lontane, è un mezzo per migliorare se stessi e il modo di vivere la pallacanestro. Poi, tornei come questo costituiscono una base e uno stimolo di crescita per il nostro club, che ha in animo di radicarsi sempre più nel territorio e far crescere la passione per il nostro sport. Siamo felici per l’esito di quest’evento e sicuramente continueremo a lavorare sui questa strada”.

SHARE