Trapani, niente più musica da discoteca nei locali del centro storico

7155

Una nuova ordinanza sindacale per introdurre regole più restrittive per quanto concerne le emissioni sonore. E’ stata emessa e illustrata stamani, nel corso di una conferenza stampa, dal sindaco di Trapani Vito Damiano e dal consigliere delegato dell’Ente Luglio Musicale Giovanni De Santis. L’ordinanza prevede il divieto di diffusione di musica ad alto volume nel centro storico di Trapani. Sarà vietata, all’interno dei locali, la diffusione mediante casse acustiche di musica da discoteca. Sono invece consentiti gli altri generi di musica. I gestori saranno però tenuti a rispettare la normativa vigente riguardo le frequenze delle emissioni sonore e gli orari consentiti. Non potranno essere impiegati strumenti che superano una frequenza ritmica di 115 bpm come ad esempio le batterie. Sarà possibile organizzare concerti di musica dal vivo. Ogni spettacolo dovrà però avere una durata massima di quattro ore e terminare entro le ore una, o,  nel caso di esibizione di ampio interesse o peculiari di durata maggiore alle quattro ore, in deroga alle indicazioni, previa richiesta di autorizzazione al sindaco non oltre 72 ore prima della manifestazione.

SHARE