Trapani, Al reparto di oncologia un nuovo farmaco antitumorale in via sperimentale

6768

Al reparto di oncologia dell’ospedale Sant’ Antonio Abate di Trapani parte l’utilizzo in via sperimentale di un nuovo farmaco antitumorale, non ancora commercializzato in Italia, per la cura del tumore al polmone.[su_spacer]

Si tratta del Nivolumab,  da somministrare nei pazienti affetti da carcinoma polmonare squamocellulare non resecabile e/o metastatico e da adenocarcinoma polmonare, in seconda linea terapeutica, per chi cioè non ha risposto al primo trattamento chemioterapico.[su_spacer]

Il tumore del polmone è la principale causa di morte per cancro e secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità è responsabile di oltre 1,5 milioni di decessi ogni anno, provocando più morti della somma dei tumori del colon-retto, seno e prostata.[su_spacer]

“Il Nivolumab  – spiega il primario del reparto Filippo Zerilli – appartiene ad una classe di nuovi farmaci immuno-terapici che, in virtù del loro meccanismo d’azione, sembrano in grado di indurre risposte durature, prolungando l’aspettativa di vita dei pazienti. Gli studi hanno dimostrato che grazie all’originale meccanismo immunitario, la sopravvivenza globale dei pazienti è stata incrementata del 41% rispetto al docetaxel”.[su_spacer]

Nelle scorse settimane allo scopo di garantire ai pazienti il tempestivo accesso a terapie farmacologiche efficaci, l’Agenzia Italiana del Farmaco ha attivato un “programma di uso compassionevole” per il trattamento con Nivolumab.  Il cosiddetto uso compassionevole è la possibilità di utilizzare, a fini terapeutici, farmaci  per i quali non è ancora stata completata la fase di sperimentazione clinica.[su_spacer]

“Grazie all’iniziativa del primario – ha commentato il direttore generale dell’ASP Fabrizio De Nicola – e alla disponibilità dell’azienda produttrice, i pazienti trapanesi potranno così essere trattati con questa nuova innovativa molecola, migliorando la loro aspettativa di vita, in una patologia drammatica e degenerativa come è  il tumore polmonare”.

SHARE