Trapani: continuano i controlli della Polizia Municipale nei locali del centro storico, denunciate 7 persone

128

Nella notte tra il 10 e l’11 luglio la Polizia Municipale ha effettuato dei controlli amministrativi presso i locali del centro storico che esercitano intrattenimento musicale. L’attività si è concentrata in particolare nei locali di Via Roma dove sono stati fatti i rilievi.
Le misurazioni dell’intensità sonora (decibel) sono state effettuate dall’ A.R.P.A. , unico organismo legalmente deputato a compierle.[su_spacer]
A seguito dei controlli, sono state denunciate penalmente ben 7 persone (ai sensi dell’ art 659 C.P. – disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone), tra esercenti e musicisti che si esibivano dal vivo, in quanto violavano sia le disposizioni dell’ordinanza sindacale n. 70/2015 (con cui vengono adottate una serie di limitazioni e regole tendenti a garantire l’abbattimento dell’inquinamento acustico provocato dalle emissioni sonore provenienti dagli impianti di riproduzione musicale degli esercizi pubblici), sia le norme relative al superamento della soglia di rumore consentite, che, nel caso specifico hanno raggiunti limiti doppi a quelli permessi.[su_spacer]

“Contrariamente al passato la Polizia Municipale opererà sotto un profilo non solo amministrativo ma anche penale di concerto con l’Autorità Giudiziaria – ha dichiarato il Comandante Biagio De Lio”.[su_spacer]

“Tali forme di controllo non resteranno casi isolati- ha dichiarato il sindaco Vito Damiano – ma proseguiranno per tutto il periodo estivo con lo scopo di far rispettare non solo l’ordinanza sindacale ma, soprattutto, le regole civili e di buon senso. Anche se ancora riscontriamo resistenze da parte di qualche operatore commerciale del centro storico, la gran parte degli esercenti ha condiviso e si è adeguata agli indirizzi dell’Amministrazione traendone benefici anche economici. Voglio augurarmi che, sin da questa estate, si possa dare un tangibile segno di senso civico e di rispetto, tante volte richiesto dai cittadini residenti e dagli stessi turisti”.

SHARE