Paceco, il Consiglio comunale approva il rendiconto della gestione di esercizio 2014

147

Con 10 voti favorevoli della maggioranza e 5 contrari dell’opposizione, il Consiglio comunale di Paceco ha approvato ieri il “Rendiconto della gestione relativa all’esercizio 2014”, predisposto dall’Amministrazione comunale con delibera dello scorso 28 maggio.[su_spacer]

L’assemblea consiliare ha quindi approvato a maggioranza, il documento economico-finanziario che comprende il conto del bilancio, il conto economico, il conto del patrimonio e la relazione contenente le “valutazioni sull’efficacia dell’azione condotta sulla base dei risultati conseguiti in rapporto ai programmi ed ai costi sostenuti”.[su_spacer]

Prima dell’esame in aula, il sindaco Biagio Martorana ha evidenziato “alcuni aspetti abbastanza significativi che emergono dal rendiconto, a partire dal fatto che il Comune ha rispettato il Patto di stabilità – dice – mentre tanti comuni, e non solo in Sicilia, sono in dissesto o prossimi al dissesto. Inoltre, tutte le spese del Comune si sono ampiamente ridotte: nel corso del 2014, la spesa complessiva si è attestata a circa 7.800.000 euro, cifra di gran lunga inferiore rispetto a quelle del 2013 e del 2012. Se poi si fa il calcolo della imposizione tributaria sui cittadini, si nota come anche questi dati si siano ridotti ampiamente: vero è che i tempi e la crisi comportano difficoltà e disagio nelle famiglie; però, l’imposizione tributaria e finanziaria che grava su ogni cittadino di Paceco si è ridotta rispetto all’anno scorso e a due anni fa”.[su_spacer]

“Ultimamente – aggiunge il sindaco – stiamo puntando a ridurre gli affitti, con il trasferimento del Quarto Settore in via San Francesco (già effettuato) e del Sesto Settore, temporaneamente sistemato nei locali del Comune, in attesa di trovare i fondi per la ristrutturazione dell’immobile confiscato alla mafia, che permetterà di eliminare completamente gli affitti. La gestione è stata quindi improntata al risparmio – conclude Biagio Martorana – e non ci sono state spese inutili, come si può evincere analizzando tutto il rendiconto; anzi, c’è un avanzo di amministrazione, determinato dalla recente normativa in materia contabile”.[su_spacer]

Il Consiglio comunale tornerà a riunirsi domani mattina, a partire dalle 10; altre sedute sono previste il 22 e il 24 luglio prossimi, nell’ambito della stessa sessione ordinaria convocata dal presidente Marilena Cognata.

SHARE