Paceco, Sequestrati beni per 13 milioni di euro all’imprenditore Vito Marino

252

Nella mattinata odierna, agenti della Divisione Anticrimine della Questura e Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Trapani, hanno posto sotto sequestro beni per un valore di circa tredici milioni di euro di proprietà dell’imprenditore Vito Marino, figlio del boss Girolamo Marino (Mommo U Nano) che fu assassinato nel 1986. Il provvedimento è stato disposto dal Tribunale di Trapani su proposta  del procuratore Marcello Viola e del questore Maurizio Agricola. Marino era stato arrestato nel 2006 dalla polizia, insieme con il cugino, Salvatore Marino, nell’ambito delle indagini sul triplice omicidio commesso a Brescia  ai danni dell’imprenditore Angelo Cottarelli, della sua compagna  e del figlio Luca. L’imprenditore ed il cugino erano stato condannati all’ergastolo, poi però l’11 marzo scorso la Corte di Cassazione ha  annullato le condanne disponendo la celebrazione di un nuovo processo.[su_spacer]
Ecco l’elenco dei beni sequestrati:
– 40 beni immobili;
– 5 beni mobili registrati;
– 13 società/imprese tra cui Vigna Verde S.R.L., Olearia Pacheco Soc. Coop. a r.l., Cerealseed S.R.L., Ma.Mo. S.R.L., Tenute Karushia Soc. agricola a r.l. ;
– 33 tra conti correnti e rapporti bancari di altra natura.

SHARE