Trapani, Rizzi e la Polizia Municipale liberano cani che vivevano in scarse condizioni igieniche

170

Lo scorso 20 maggio una cittadina trapanese aveva presentato un esposto alla Polizia Municipale di Trapani (Prot. 47185) spiegando che il suo vicino di casa viveva in condizioni igienico sanitarie scarsissime tra le feci e l’urina dei due cani di grossa taglia che l’anziano uomo, cardiopatico, deteneva con lui dentro l’appartamento di circa 60 mq. Animali che non uscivano mai da quell’appartamento poiché, come confessato dall’uomo, lo stesso non era in grado di poter gestire. Sono così intervenuti i vigili urbani ed il servizio Igiene dell’ASP di Trapani dichiarando che era tutto nella norma. La donna, però, non era rimasta soddisfatta dell’intervento delle Istituzioni e non potendo continuare a vivere tra il fetore che proveniva dall’abitazione del vicino di casa si era recata più volte agli uffici comunali, alla Polizia Municipale ed ai Servizi di Igiene dell’ASP di Trapani, pregandoli di intervenire nuovamente. Tuttavia i suoi appelli erano rimasti inascoltati.[su_spacer]

Così, un paio di giorni fa, incontrando per le vie della città Enrico Rizzi – Capo della Segreteria Nazionale del Partito Animalista Europeo, la donna ha raccontato lui l’accaduto, pregandolo di interessarsi della vicenda. Rizzi ha provveduto a contattare il Servizio Veterinario dell’ASP di Trapani ed il Comandante della Polizia Municipale di Trapani Biagio De Lio, chiedendo di predisporre in brevissimo tempo un intervento.[su_spacer]

DSC_0021Intervento che è stata effettuato questa mattina con una vera e propria task force messa a disposizione: Polizia Municipale, Veterinari e Dirigenti del Servizio Igiene dell’ASP di Trapani, accompagnati da Enrico Rizzi, hanno fatto irruzione nell’appartamento permettendo di liberare i due cani che per la prima volta hanno visto la luce del sole e che adesso cercano famiglia.[su_spacer]

Chi volesse adottarli per evitar loro la triste fine del canile può inviare urgentemente una mail a: staff@partitoanimalistaeuropeo.com

SHARE