Paceco, i consiglieri del Movimento per la Libertà propongono riduzione IUC e TARI per utenze prive di rete fognante

131

I consiglieri comunali del Comune di Paceco, facenti parte del Movimento per la libertà (Consiglieri Catalano, Asta e Vultaggio) hanno presentato ieri degli emendamenti inerenti ai due atti deliberativi sulla modifica del Regolamento IUC e sull’approvazione delle tariffe TARI. Tra i più significati emendamenti, quello che riguarda la riduzione del 10% della TASI per quei fabbricati ricadenti nelle zone omogenee A, B e C del PRG delle zone di Nubia, Dattilo e Paceco sprovviste di rete fognante comunale. Tale riduzione è stata pensata proprio per quella parte di cittadinanza che continua regolarmente a pagare le imposte senza avere a disposizione i servizi (in questo caso la rete fognante comunale). Di fatto, in alcune zone del Comune di Paceco,  pur se intensamente abitate, non è presente la rete fognaria e fino ad oggi non è stata varata alcuna opera o  servizio relativamente alla tutela ambientale allo scopo di limitare gli eventuali pericoli igienici e sanitari che possono derivare dalla mancanza di rete fognaria.[su_spacer]

L’altro emendamento proposto riguarda la non applicazione del tributo TARI per le nuove attività d’impresa per i primi tre anni dall’avvio delle stesse. Lo scopo di detta iniziativa è proprio quella di RIDURRE il degrado ambientale, RALLENTARE i processi di desertificazione urbana e RILANCIARE l’imprenditoria e quindi L’ECONOMIA del paese.

SHARE