Favignana: Ingressi da record all’ex Stabilimento Florio, 1356 visitatori solo ieri

137

Nuovi numeri da record per l’ex Stabilimento Florio di Favignana. Nella sola giornata di ieri, domenica, 2 agosto, infatti, sono stati 1.356 i visitatori che hanno fatto il loro ingresso per l’apertura gratuita della prima domenica del mese. A luglio, per la prima domenica del mese precedente, ossia giorno 5, erano stati 1006 i visitatori che avevano fatto ingresso al sito museale egadino nonostante il caldo torrido, esattamente come ieri, onorando la “Festa popolare per i musei”, introdotta in tutta Italia un anno fa con la promozione del Mibact (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) che apre le porte gratis dei luoghi della cultura statale ogni prima domenica del mese.[su_spacer]

L’ex Stabilimento Florio è aperto tutti i giorni, festivi compresi, dalle 10.00 alle 13.30 e dalle 17.00 alle 23.30. Le visite guidate sono previste alle: 10.30 – 11.15 – 12.00 – 17.15 – 18.00 – 19.00 – 20.00 – 21.00 – 22.00.

I nuovi orari, in vigore dal mese di luglio, saranno osservati fino al 30 settembre. Tutti i giorni l’ingresso è a pagamento, mentre la visita guidata è gratuita.[su_spacer]

Il prezzo del biglietto intero è di 6 euro; gratuito fino a 18 anni; ridotto 3 euro per studenti universitari dai 18 ai 25 e sono applicate tutte le esenzioni di legge. I biglietti sono in vendita solo presso il museo.

Intanto proprio all’ex Stabilimento si tiene oggi il secondo appuntamento con la rassegna culturale “Favignana Incontri”. Dopo quello di sabato a Palazzo Florio, su “La Terza guerra mondiale per episodi…” (citazione di Papa Francesco), con Franco Venturini, Giovanni Porzio e Marco Carnelos, oggi, sempre alle 18.30, si parlerà de “La sfida dell’Isis al mondo arabo e all’Europa”, con Lucia Goracci, giornalista di RaiNews24, Ben Wedeman, della CNN e Alastair Crooke, funzionario del Ministero degli Esteri britannico  Il prossimo appuntamento sarà l’11 agosto, ancora all’ex Stabilimento Florio, sempre alle 18.30, con “La fuga dei cristiani d’Oriente”. Conduce Alberto Stabile.

 

SHARE