Favignana: Ingressi da record all’ex Stabilimento Florio, 1356 visitatori solo ieri

-

Nuovi numeri da record per l’ex Stabilimento Florio di Favignana. Nella sola giornata di ieri, domenica, 2 agosto, infatti, sono stati 1.356 i visitatori che hanno fatto il loro ingresso per l’apertura gratuita della prima domenica del mese. A luglio, per la prima domenica del mese precedente, ossia giorno 5, erano stati 1006 i visitatori che avevano fatto ingresso al sito museale egadino nonostante il caldo torrido, esattamente come ieri, onorando la “Festa popolare per i musei”, introdotta in tutta Italia un anno fa con la promozione del Mibact (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) che apre le porte gratis dei luoghi della cultura statale ogni prima domenica del mese.[su_spacer]

L’ex Stabilimento Florio è aperto tutti i giorni, festivi compresi, dalle 10.00 alle 13.30 e dalle 17.00 alle 23.30. Le visite guidate sono previste alle: 10.30 – 11.15 – 12.00 – 17.15 – 18.00 – 19.00 – 20.00 – 21.00 – 22.00.

I nuovi orari, in vigore dal mese di luglio, saranno osservati fino al 30 settembre. Tutti i giorni l’ingresso è a pagamento, mentre la visita guidata è gratuita.[su_spacer]

Il prezzo del biglietto intero è di 6 euro; gratuito fino a 18 anni; ridotto 3 euro per studenti universitari dai 18 ai 25 e sono applicate tutte le esenzioni di legge. I biglietti sono in vendita solo presso il museo.

Intanto proprio all’ex Stabilimento si tiene oggi il secondo appuntamento con la rassegna culturale “Favignana Incontri”. Dopo quello di sabato a Palazzo Florio, su “La Terza guerra mondiale per episodi…” (citazione di Papa Francesco), con Franco Venturini, Giovanni Porzio e Marco Carnelos, oggi, sempre alle 18.30, si parlerà de “La sfida dell’Isis al mondo arabo e all’Europa”, con Lucia Goracci, giornalista di RaiNews24, Ben Wedeman, della CNN e Alastair Crooke, funzionario del Ministero degli Esteri britannico  Il prossimo appuntamento sarà l’11 agosto, ancora all’ex Stabilimento Florio, sempre alle 18.30, con “La fuga dei cristiani d’Oriente”. Conduce Alberto Stabile.