Radioterapia e nuove dotazioni, gli impegni dell’Assessore Gucciardi per l’Ospedale Sant’Antonio Abate

107

“Voglio conoscere de visu le condizioni della sanità siciliana e  voglio farlo con una sorta di ispezioni straordinarie che sto compiendo in giro per la Sicilia per verificare eccellenze e criticità”.[su_spacer]

Lo ha detto l’assessore regionale alla salute Baldo Gucciardi, nel corso della sua visita all’ospedale S’Antonio Abate di Trapani. Gucciardi, che era accompagnato dal direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale Fabrizio De Nicola, ha incontrato il vescovo di Trapani, Pietro Maria Fragnelli, il presidente della conferenza dei sindaci Vito Damiano, il direttore sanitario dell’ASP Antonio Siracusa e il direttore sanitario del nosocomio Francesco Giurlanda.[su_spacer]

Dopo aver visitato i vari reparti ed essersi intrattenuto con i primari l’assessore ha espresso “un plauso  agli operatori sanitari del presidio per la qualità dell’offerta sanitaria che ci consentono di erogare, nonostante le difficoltà di organico e di personale con cui, fino ad oggi, si sono dovuti confrontare. Per questo il mio primo atto  – ha proseguito – è stato quello di firmare tutti i provvedimenti affinché entro il 30 settembre prossimo siano predisposte le nuove piante organiche in maniera da poter emanare i bandi di concorso entro il 30 novembre”.[su_spacer]

Gucciardi ha poi voluto visitare i locali dove è stata appena installata la nuova PET (Tomografia a emissione di positroni) che sarà inaugurata nelle prossime settimane, dove ha parlato dei suoi impegni per il Sant’Antonio”.[su_spacer]

“L’apertura della radioterapia e Trapani  – ha annunciato – è al primo punto della mia agenda. Assicuro i trapanesi che molto presto questo nuovo reparto sarà una realtà. Questo è  un presidio ospedaliero di riferimento, dove vi sono eccellenze di rilevanza regionale. Ma ci vuole un nosocomio con spazi adeguati a un’offerta sanitaria di qualità e all’altezza della qualità dei medici. Per questo – ha aggiunto Gucciardi – stiamo sbloccando i fondi ex art. 20 che consentiranno di ampliare, mettere in sicurezza e dotare di ulteriori nuove attrezzature e dotazioni questo ospedale. E visto che occorre anche porre in essere strategie nel medio termine, nelle prossime settimane convocherò una conferenza di servizi tra tecnici del ministero della Salute, dell’assessorato e dell’ASP, per valutare la possibilità che a Trapani possa pensarsi alla realizzazione di una nuova struttura ospedaliera, al posto di un presidio obsoleto, progettato negli anni ’50”.

L’assessore, con il direttore generale dell’ASP,  si è poi spostato all’ospedale Paolo Borsellino di Marsala, dove è stato ricevuto da Maria Carmela Riggio, dall’1 agosto nuovo direttore sanitario del nosocomio, e dal sindaco della città lilibetana Alberto Di Girolamo. Anche qui ha visitato i reparti, incontrando medici e infermieri  e ha constatato come siano due i medici in servizio, per turno, e non uno, al pronto soccorso. Ha infine condiviso la proposta del sindaco di dotare l’ospedale di un ambulatorio di oncologia, per il quale i vertici dell’ASP si sono impegnati a una rapida realizzazione.

SHARE