Imprenditore dell’Arabia Saudita in visita alla Camera di Commercio di Trapani

79

L’imprenditore dell’Arabia Saudita Mousa Darwish Braik è stato in visita alla Camera di Commercio di Trapani, dove è stato ricevuto dal vicepresidente dell’ente Luigi Giacalone.[su_spacer]

Nel corso dell’incontro si è parlato delle opportunità di investimento nel comparto turistico, soprattutto per quel che riguarda il settore alberghiero e quello dei servizi. A riguardo Giacalone ha illustrato le potenzialità del comprensorio della Sicilia occidentale, soffermandosi sulle caratteristiche del tessuto imprenditoriale e sul forte appeal del territorio, a partire dagli aspetti che rimandano alle bellezze paesaggistiche ed alle eccellenze locali. Durante il suo tour in provincia di Trapani l’ingegnere Mousa Darwish Braik, componente della famiglia reale saudita, ha fatto diversi sopralluoghi in strutture ricettive, accompagnato per l’occasione da Mario Figlioli, imprenditore del settore dell’arredamento e presidente del Consorzio di imprese “Rete Punica Marsala”. [su_spacer]

“È stato un incontro molto proficuo. L’ingegnere Mousa Darwish Braik – ha commentato Luigi Giacalone – è interessato ad investire nel settore turistico e ritiene che la nostra zona sia davvero a forte vocazione turistica. È in cerca di opportunità di investimento nel settore alberghiero e nei servizi. Come Camera di Commercio di Trapani abbiamo messo a disposizione tutto il know-how del sistema camerale. In particolare l’ingegnere Mousa Darwish Braik punta ad un progetto che metta assieme le attività culturali e turistiche dell’area del Mediterraneo, partendo dall’Arabia Saudita Saudita, passando dai paesi del Nord Africa ed arrivando alla Sicilia. Tra l’altro – ha fatto sapere il vicepresidente della Camera di Commercio a margine dell’incontro con l’imprenditore saudita – Mousa Darwish Braik è interessato a progetti esecutivi. Per questo motivo manderemo una comunicazione ai sindaci dei comuni della provincia di Trapani per vedere se hanno in cantiere progetti esecutivi in cui è richiesto l’intervento dei privati”.

SHARE