A nuoto in notturna attorno all’isola di Levanzo

222

Si è svolta venerdì 18 Settembre l’eccezionale circumnavigazione in notturna, a nuoto, dell’isola di Levanzo, un’iniziativa condotta nell’ambito dell’ultimo campo di volontariato ambientale realizzato dall’Associazione Sportiva Dilettantistica Swimtrekking, patrocinato e supportato dall’Area Marina Protetta Isole Egadi. Otto i volontari partecipanti, tutti nuotatori esperti, che hanno percorso gli oltre 15 km del periplo di Levanzo nel corso di circa 6 ore, dal tramonto fino in piena notte, scortati da due gommoni dell’AMP. Si trattava dell’ultimo dei quattro campi estivi realizzati quest’anno dall’associazione Swimtrekking, affiliata a Legambiente, volti a promuovere la fruizione sostenibile ed ecocompatibile del mare e a far conoscere lo swimtrekking.[su_spacer]

L’attività di trekking a nuoto è un modo originale per vivere e sentire l’ambiente, un viaggio in mare con maschera, boccaglio, pinne, muta, portando con sé il necessario per l’escursione in un piccolo scafo in vetroresina da trainare, denominato “barkino”.[su_spacer]

nuoto“Lo scopo – spiega il Direttore dell’AMP, Stefano Donati – è quello di portare e far vivere l’esperienza del mare a quei giovani che non hanno modo di conoscere questo
meraviglioso elemento-universo del nostro pianeta. Il mare al centro, il mare che comanda; imparare a sapere della natura, rispettarla, tutelarla. Gli amici di Swimtrekking sanno relazionarsi all’ambiente mare in una attività di conoscenza e di esplorazione attraverso lavori individuali e di gruppo, sviluppando la solidarietà e lo spirito di gruppo nei partecipanti”.[su_spacer]

Bellissima iniziativa, quasi unica – commenta il Sindaco di Favignana e presidente dell’AMP, Giuseppe Pagoto – a coronamento di una stagione dove alle Egadi si sono svolti oltre 15 campi di volontariato ambientale, realizzati da quattro diverse associazioni: Informa Giovani, Legambiente, Libera, Associazione Swimtrekking. Centinai di giovani provenienti da varie città e diversi paesi hanno conosciuto e ammirato il nostro territorio e il nostro mare, regalando il loro tempo e la loro passione per interventi di tutela e sensibilizzazione. Iniziative sicuramente da realizzare di nuovo”.

SHARE