Mozione di sfiducia a Damiano, Salone e Fazio esprimono soddisfazione

151

Di seguito le note dei consiglieri Francesco Salone e Girolamo Fazio, in merito alla mozione di sfiducia al sindaco Damiano, firmata oggi da tredici consiglieri. [su_spacer]

«Finalmente sono finiti i distinguo, le puntualizzazioni, i “sì, però”. Oggi il consiglio comunale di Trapani, in una seduta dal sapore prettamente politico, ha segnato una linea spartiacque per capire chi sta con il sindaco, Vito Damiano, ed è disposto a tollerare la sua
cattiva amministrazione, e chi lo vuole mandare a casa per restituire ai trapanesi il diritto di scegliere il prossimo primo cittadino. Io mi onoro oggi, di appartenere al gruppo di 13 consiglieri che ha firmato la mozione di sfiducia e che lunedì mattina replicherà in
maniera ufficiale l’apposizione della firma sul documento. Nessun diritto a primati o riconoscimenti di iniziativa. Tredici consiglieri, tredici firme, tutti alla pari. Mi dispiace anzi se qualcuno ha voluto giocare sull’equivoco e si è anche spinto in qualche attacco personale nei miei confronti. Sbaglia chi ha voluto leggere un’ansia di primeggiare nella mia riproposizione di una mozione che incomprensioni politiche e personali avevano relegato in un cassetto. L’ho sempre detto dall’inizio: purché questo sindaco vada a casa sono disponibile a firmare la mozione di chiunque. Aver tirato fuori dal cassetto quella mozione nel momento giusto è un bene per la città prima che per i  consiglieri comunali. Ci ho solo messo la faccia per senso di responsabilità nei confronti dei cittadini trapanesi. L’ho fatto con convinzione insieme ad altri 12 consiglieri comunali. Se un dato politico mi sento di sottolineare è che il PD, partito che si è sempre dichiarato all’opposizione, non abbia compreso lo spirito con il quale oggi abbiamo portato in aula la mozione. Auspico un
ripensamento dei colleghi del PD perché lunedì firmino la mozione insieme a tutti noi».[su_spacer]

«Finalmente – ha commentato il capogruppo di Uniti per il Futuro, Girolamo Fazio al termine dei lavori d’aula di oggi a Palazzo Cavarretta – si potrà comprendere con chiarezza chi vuole continuare con l’amministrazione Damiano e chi invece ritiene al capolinea questa esperienza amministrativa che ha solo creato danni alla città. I trapanesi, in questo modo, avranno possibilità anche di giudicare i consiglieri comunali in relazione al loro operato. Senza questa iniziativa odierna – ha detto Fazio – mai si sarebbe potuto discutere della mozione di sfiducia. Credo sia comunque un passo avanti per avere chiarezza del percorso che si intende intraprendere e quale futuro la città vorrà avere. Certamente si mette fine ad un dibattito che nei mesi scorsi è stato acceso, polemico e per certi versi sterile. Al di là di questi aspetti che ci siamo ormai lasciati alla spalle rimane il dato politico e giuridico: sono state raccolte le 13 firme perché lunedì sia presentata  la mozione di sfiducia che apre la strada al dibattito consiliare e quindi, come vuole democrazia, al controllo della collettività sui suoi rappresentanti. Finalmente si potrà fare chiarezza».

SHARE