Custonaci, i consiglieri del gruppo “Io voto Custonaci” propongono il baratto amministrativo

221

io voto custonaciI consiglieri comunali del gruppo “Io Voto Custonaci” hanno presentato uno schema di regolamento per l’istituzione, al Comune di Custonaci, del cosiddetto “baratto amministrativo”. Il documento è stato inoltrato al Presidente del consiglio comunale di Custonaci e, per conoscenza, al Segretario Generale del Comune per il suo inserimento
tra i punti all’ordine del giorno della prossima seduta del consiglio comunale.[su_spacer]

Il progetto trae spunto dall’articolo 24 della legge 164/2014 “Misure di agevolazioni della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio”, che
introduce la forma del baratto amministrativo per il pagamento dei tributi comunali: i cittadini o le associazioni che si impegnano in attività socialmente utili possono beneficiare di riduzioni o esenzioni dal pagamento degli stessi.[su_spacer]

“A causa della crisi economica– dichiarano i consiglieri comunali Romina Bica, Totò Torre, Anna Maria Pintacoda, Elena Angelo e Cristina Maranzano- molte persone non riescono più a pagare IMU, TARI, TASI etc . Difficoltà analoghe vivono diverse imprese artigiane e
commerciali. Il baratto amministrativo-sottolineano- ha un risvolto solidaristico e sociale molto forte, consentendo di ridare dignità a quei cittadini che, per svariati motivi, non riescono a far fronte ai propri debiti e sono costretti a chiedere aiuto o a diventare evasori
fiscali”.[su_spacer]

La bozza di regolamento comunale presentato dal gruppo consiliare “Io Voto Custonaci” consta di 12 articoli che illustrano i criteri, i destinatari, le modalità, i tempi e il tetto massimo complessivo entro il quale esercitare il baratto amministrativo (10 mila euro nel
2015), oltre che il numero di ore che ogni soggetto dovrà svolgere: otto ore corrispondono a 60 euro di tributo simbolico versato. Ogni famiglia potrà “barattare” fino ad un massimo di 800 euro di tributi. In particolare, l’articolo 6 prevede che i destinatari del tributo
siano “coloro i quali hanno un indicatore ISEE non superiore a 8.500 euro annui, che hanno tributi comunali non pagati, iscritti a ruolo e non ancora regolarizzati, ovvero che hanno ottenuto contributi come inquilini morosi non colpevoli negli ultimi tre anni”.[su_spacer]

“In tempo di crisi- concludono i consiglieri di Io Voto Custonaci- la nostra è una proposta concreta e attuabile che produrrebbe effetti positivi sia per i contribuenti, che in tal modo assolverebbero ai loro obblighi tributari, sia per il nostro Comune che, vista l’estensione e la sua ripartizione in frazioni e borgate (Purgatorio, Baglio Messina, Scurati, Baglio Mogli Belle, Frassino- Tuono), potrebbe usufruire di ulteriore, necessaria, “forza lavoro” da destinare ad attività di pulizia delle aree urbane e manutenzione del verde pubblico. Auspichiamo pertanto l’approvazione della proposta da parte del consiglio comunale”.

SHARE