Precisazioni della Cisl Fp e Uil Fpl su piano assunzioni nella sanità Trapanese

96

“La Sanità della nostra provincia non ha bisogno di solisti ne di prime donne ne tantomeno di santoni dell’ultima ora che hanno il bisogno di trovare un senso per giustificare di esistere”. I segretari generali della Cisl Fp Palermo Trapani Marco Corrao e della Uil Fpl di Trapani ribadiscono il giudizio oltremodo che soddisfacente conseguito in relazione alla nuova rete ospedaliera “che vede l’Asp di Trapani, forse l’unica rispetto al resto delle aziende siciliane, ad avere avuto riconosciuto un incremento economico pari a 8 milioni di euro che permetteranno di assumere circa 500 nuove unità di diversi profili professionali”. E aggiungono: “Comprendendo la fuga in avanti operata dal collega Milazzo della Cgil con il quale avevamo condiviso una piattaforma unitaria ancorché presentata nei giorni scorsi alla direzione dell’Asp, ci pare opportuno precisare che l’assenza nel momento clou dello stesso collega durante l’adunanza di ieri ha fatto si di diffondere a nostro parere elementi di informazione che si discostano nettamente dalla realtà. Ci sfugge quale sia la finalità. Con la nostra attività e con l’assenza a più riprese di chi oggi abbaia alla luna siamo riusciti con la direzione strategia guidata dal dottor De Nicola ad reinserire la figura di ausiliario fin qui quasi cancellata, ad aumentare i posti di Oss, ad incrementare quelli degli infermieri e di un’altra serie infinita di professionalità che avevano con la loro mancanza messo in ginocchio la sanità trapanese”. “Resteremo vigili e a disposizione – concludono Macaddino e Corrao – qualora se ne rendesse la necessità per operare modifiche qualitative essendo la dotazione organica uno strumento flessibile e non statico”.

SHARE