Pallacanestro: i numeri di Omegna, prossima avversaria della Pallacanestro Trapani

106

 

Il gruppo di Omegna, che proviene dalla A2 Silver, è senz’altro solido e, pur non avendo magari il talento delle teste di serie, appare in grado di prendersi delle belle soddisfazioni durante il corso della stagione. Il coach è Alessandro Magro, che dal 2006 al 2014 ha fatto parte dello staff tecnico di Siena, vincendo tanto (sette scudetti e cinque Coppe Italia) con la squadra toscana, con la quale ha oltretutto conquistato anche due titoli nazionali giovanili. Quest’estate Omegna si è mossa davvero bene sul mercato, puntando su giocatori di sicura affidabilità, che arricchiscono un organico che mediamente è molto giovane. Il roster è tatticamente duttile, sia nel reparto esterni, con tanti atleti che possono alternarsi indifferentemente nei tre ruoli sul perimetro, sia sotto le plance, dove l’atipicità regna sovrana. Passando ai singoli, tra i “piccoli” troviamo il confermato Giacomo Gurini (1986), guardia che coniuga con equilibrio le capacità realizzative e quelle di costruttore di gioco. Discontinuo nel trovare il canestro da fuori, si è ben distinto nei tanti anni di A2 con Pistoia e Ferentino, dove ha viaggiato sui binari della doppia cifra di media. Dovrà assicurare quel contributo di esperienza e duttilità su cui coach Magro punta fortemente. La guardia è l’USA Keon Moore (1992), rookie proveniente da Winthrop, dove nell’anno da senior ha fatto registrare numeri davvero interessanti: 18.5 p.ti, 5.2 rimbalzi oltre 1.8 assist di media. Proverbiale il suo tiro dalla distanza e la capacità di costruirsi il canestro nelle situazioni più disparate. La doppia cifra di media è garantita. Il perimetro è completato da Andrea Casella (1990), fisicamente un’ala piccola, ma tecnicamente una guardia, che l’anno passato ha disputato la massima serie a Varese, con 3.2 p.ti in 10’ di utilizzo medio. Assicura dinamismo e tiro da fuori. Quando i giochi saranno “rotti”, coach Magro andrà da lui! L’ala forte è Tyler Smith (1986), ultimo arrivato, che di esperienza europea ne ha da vendere (Turchia, Francia, Israele). La scorsa stagione buon protagonista in A2 turca, con 19 p.ti, 13 rimbalzi e 4 assist per gara. Viene da un’università prestigiosa (Tennessee) e, oltre ad un buon atletismo, garantisce innate doti da attaccante ed una sorprendente visione di gioco, che spesso lo elevano al ruolo di playmaker aggiunto. Il pivot è il confermato Antonio Iannuzzi (1991), lungo con punti nelle mani, che fa sentire la sua tecnica nel pitturato. Uno dei migliori giocatori della scorsa Silver, dove spesso ha viaggiato in “doppia doppia”, chiudendo con numeri di tutto rispetto. Li ripeterà anche al piano di sopra, statene certi![su_spacer]

Dalla panchina si alzano tanti giovani, pronti a tenere alta l’intensità per tutti i 40’ di gioco. Sotto canestro troviamo l’ala-pivot del 1995 Giovanni Vildera, scuola Reyer Venezia, che nella passata A2 Silver con Omegna si è guadagnato il ruolo di primo cambio dei lunghi, con oltre 10’ sul parquet. Dovrà farsi trovare pronto anche ad un livello più alto, confermandosi come una pedina importante per il proprio staff tecnico. Una buona mano arriva anche dal giovane playmaker Alessandro Cappelletti (1995), che, alla seconda esperienza con Omegna, ha rappresentato per diverse stagioni una delle punte di diamante del settore giovanile della Mens Sana Siena, dove ha anche assaporato i brividi e l’onore della prima squadra. Inutile dire che coach Magro lo conosce come le sue tasche. Buono il precampionato della giovane ala del 1995 Lorenzo Galmarini, che ha già fatto parte del roster di Trento che due stagioni fa conquistò la promozione in Serie A, ai danni di Capo d’Orlando. È un prospetto che arriva da una buona stagione in A2 Silver con Recanati, al punto da convincere Omegna a dargli minuti importanti. Può giocare sia da “tre” che da “quattro”. Ritagliarsi un po’ di spazio nelle rotazioni di coach Magro sarà l’obiettivo stagionale dei giovani playmaker del 1995 Diego Terenzi e Alessandro Zanelli, che chiudono il roster della formazione piemontese e che cercheranno di alzare il livello degli allenamenti quotidiani.

SHARE