Il Coordinamento direttivo PD di Trapani approva documento

102
Di seguito la nota del Coordinamento Direttivo del PD, che nella giornata di ieri ha approvato un documento all’unanimità dei componenti di diritto presenti. Il consigliere Passalacqua, partecipe per funzione, si è astenuto. [su_spacer]

Il Coordinamento Comunale del PD di Trapani si è riunito per una attenta analisi della situazione politica venutasi a creare in città anche in riferimento alle diverse dichiarazioni pubbliche rese in questi giorni da esponenti di diverse forze politiche su cui si ha l’obbligo di rendere chiarezza agli occhi dell’opinione pubblica. Il Partito Democratico di Trapani, attraverso il suo organismo deputato alla determinazione della linea politica, intende rinnovare la propria posizione in coerenza con il percorso che ha caratterizzato ormai gli ultimi anni.[su_spacer]

Il PD è all’opposizione del Sindaco Vito Damiano, e dall’amministrazione rappresentata dallo stesso dall’inizio del suo mandato ad oggi. Le condizioni e le motivazione che hanno portato il Partito, ed in particolare questo coordinamento, alla decisione di redigere e presentare una mozione di sfiducia in data 14 maggio 2014, ad oggi permangono, e non si ritengono in discussione.[su_spacer]

Da parte dei democratici è arrivata, allora,  una bocciatura senza appello rispetto all’operato della amministrazione comunale. Luglio musicale, Tares, raccolta differenziata, ztl, inquinamento acustico, situazione delle frazioni e abbandono del litorale, stato dei servizi resi ai cittadini; sono alcune delle argomentazioni che hanno determinato l’esito del dibattito dell’epoca. Trapani, secondo i dirigenti del Pd, era “una città senza un futuro, senza un programma, senza un progetto, senza una Giunta efficiente”.[su_spacer]

Queste le considerazioni del Coordinamento Comunale nel 2014, rispetto alle quali la situazione sembra essersi aggravata a causa di una persistente inerzia politico-amministrativa, e nella considerazione generale dei nostri concittadini che vedono collocato il Sindaco Damiano all’ultimo posto nel gradimento tra i sindaci italiani.[su_spacer]

Ragion per cui, il PD, con l’ausilio dei propri alleati e delle forze politiche che vorranno costruire un futuro diverso per Trapani, si impegna, e s’impegnerà affinché si possa realmente sfiduciare questo Sindaco, investendo nel contempo nella costruzione di una alternativa di governo all’altezza del ruolo che questo partito ricopre a tutti i livelli della politica”. 

SHARE