Salone denuncia: “Lavori fermi al canile di contrada Cuddia a causa di mancati adempimenti dell’Amministrazione Comunale”

70

 

I lavori di realizzazione del canile intercomunale di contrada Cuddia sono sospesi da alcuni giorni. Operai a casa, mezzi fermi. A denunciare la situazione, il consigliere comunale di Trapani Francesco Salone.[su_spacer]

La struttura, che potrà ospitare più di duecento animali da affezione, sorgerà su un’area di circa 72mila mq. confiscata in località Cuddia (S.P. n. 8). Le opere beneficiano di un finanziamento di circa 4 milioni di euro concesso nel 2009 in parti uguali dalla soppressa Provincia Regionale e dall’Asp di Trapani.[su_spacer]

Tuttavia – afferma Salone-, la ditta aggiudicataria, la CO.DI.MAR. Srl attende che l’amministrazione comunale trasferisca 526 mila euro (oltre IVA) come primo Stato di Avanzamento Lavori, cioè la prima tranche di quanto dovuto in forza del contratto tra le parti. La determina dirigenziale di liquidazione della spesa, indispensabile per il trasferimento materiale delle somme dalla tesoreria comunale al conto corrente dell’impresa, però, è stata bloccata dalla stessi uffici comunali dopo alcuni rilievi di tipo normativo e procedurale mossi dal segretario generale. La determina, in pratica, non è conforme ai principi contabili di “impegno potenziato” stabiliti dal Decreto legislativo 118/2011. La spesa è fatta gravare sui residui di bilancio del 2014 anche se i lavori si riferiscono all’agosto 2015, ma il decreto impone che il residuo venga imputato al bilancio corrente. È quindi necessario un riallineamento contabile che passa attraverso una serie di atti amministrativi e di delibere (una delle quali dovrebbe essere probabilmente presentata al consiglio comunale) che già avrebbero dovuto essere completati entro il termine del 30 aprile 2015″.[su_spacer]

“Si tratta di una empasse, che però rischia di pagare a caro prezzo l’incolpevole ditta esecutrice dei lavori, venutasi a trovare senza liquidità e quindi non in grado di pagare maestranze e fornitori – spiega il presidente della II commissione consiliare Lavori Pubblici, Francesco Salone –. Nei giorni scorsi ho chiesto con un indirizzo amministrativo che venissero rimossi dalla amministrazione tutti i motivi ostativi al pagamento dello stato di avanzamento lavori e quindi che si adempia con urgenza a tutte le procedure amministrative necessarie. Auspico che ciò avvenga in tempi brevi”.  [su_spacer]

“Questa situazione, che non è circoscritta alla vicenda del canile e che investe anche altre ditte, – continua Salone – potrebbe anche generare in un prossimo futuro una serie di contenziosi giudiziari. Non ho dubbi che in una eventualità di questo genere l’amministrazione comunale ne uscirebbe soccombente poiché inadempiente alla data del 30 aprile 2015 rispetto alle prescrizioni del d.lgs. 118/2011, e pertanto costretta a pagare indennizzi alle imprese ricorrenti con un potenziale danno economico per la collettività dei cittadini trapanesi”.[su_spacer]

“Quello che più mi lascia perplesso – conclude Salone – e che mi ha fatto sorgere l’interrogativo che ho rivolto nell’indirizzo amministrativo è: come sia possibile che le osservazioni del Segretario Generale con una nota del luglio 2015 siano state formulate soltanto recentemente pur riferendosi ad una decreto legislativo emesso nel 2011? Mi aspetto una risposta e mi sarei anche atteso un intervento del sindaco  perché come capo della amministrazione desse un indirizzo verso una soluzione del problema. Invece, come sempre, il nulla”.

SHARE