Ruggirello attacca Fazio: “Fallito l’intento di una vendetta personale, voleva manipolare la politica e i cittadini”

221

“Alcuni personaggi non demordono ad un destino segnato e pensano di poter continuare a fare politica con le parole, con le accuse e con le menzogne. Quanto riferito dall’On. Fazio nel comunicato stampa di ieri è privo di reale contenuto, a tratti surreale e pieno di fantasia, probabilmente dettato dall’amarezza di aver subito l’ennesima sconfitta politica”. E’ quanto dichiarato dal Deputato Questore all’Ars Paolo Ruggirello, che attraverso una nota stampa ha attaccato l’ex primo cittadino di Trapani Girolamo Fazio.[su_spacer]

 “L’On. Fazio – dichiara Ruggirello in una nota – addebita al sottoscritto il fallimento della sua personale “vendetta” contro Damiano, suo acerrimo nemico all’indomani  dell’insediamento allorquando ricevette un “no” secco alla vice sindacatura. La mozione di sfiducia è stata presentata con la consapevolezza di non avere i numeri necessari per la sua approvazione. Si è trattato dell’ennesima presa in giro nei confronti dei cittadini, dal momento che gli stessi firmatari non hanno dato seguito al voto. Eppure l’On. Fazio, nel suo commento a caldo, non fa alcun cenno a queste persone. Perché non parla di chi ha firmato la mozione e poi si è tirato indietro al momento del voto? Cosa non gli permette di attaccare chi ha cambiato opinione nella fase decisiva del voto? Con veemenza, però, si è rivolto a chi, sin da subito, ha esternato contrarietà alla proposta di sfiducia poiché appariva come una semplice “ammucchiata”, priva di progetti politici seri e a lungo termine.A Trapani, il gruppo che mi è stato vicino è composto da persone serie e capaci di ragionare con la loro testa e che non si lasciano condizionare o manipolare ma che hanno agito coscientemente per il bene della città, che non avrebbe avuto alcun vantaggio da un commissariamento. Contesto l’esistenza di qualsiasi incontro avvenuto tra me e l’On. Fazio nei giorni scorsi. Le sue idee sono confuse e tendenziosamente manipola fatti mai esistiti per uscire a testa alta dalla clamorosa bocciatura di una proposta che altro non era se non un tentativo di tornare alla ribalta politica. Allo stesso modo, è fallimentare il tentativo di screditare la mia persona usando termini che non mi appartengono. Quale tipo di “garanzie” avrei potuto richiedere ad una figura politica, qual è l’On. Fazio, debole ed isolata? Forse è lui abituato a ricevere “garanzie” tendenti a salvaguardare la sua attività politica altrove. Fazio dovrebbe fare i conti con la sua coscienza per capire quanto lui stesso sia la causa della sofferenza della città, a cui ha proposto il Sindaco, suo successore, lasciandogli una condizione drammatica delle casse comunali nonché gli effetti delle sue dimenticanze nei confronti delle periferie, dei servizi essenziali, delle strutture abbandonate. Se il senso di responsabilità gli appartenesse, l’On. Fazio dovrebbe dignitosamente dimettersi dal ruolo di consigliere comunale”. 

SHARE