Salemi entra nel club de ‘I Borghi più Belli d’Italia’

111

Salemi entra nel club de ‘I Borghi più Belli d’Italia’. Nei giorni scorsi, infatti, il direttivo nazionale della prestigiosa realtà che riunisce numerosi piccoli centri italiani, accomunati dalla bellezza dei propri centri storici, ha dato l’ok alla domanda d’ammissione che era stata formulata dal Comune di Salemi, guidato dal sindaco Domenico Venuti. Il club ha valutato positivamente la richiesta del Comune in virtù della bellezza del suo centro storico e della progettualità messa in campo recentemente per valorizzare al meglio le bellezze storiche e architettoniche della cittadina trapanese: la partecipazione a bandi e l’avvio di alcuni interventi di riqualificazione, l’istituzione della Zona a traffico limitato nel centro storico e l’approvazione del regolamento comunale che prevede agevolazioni fiscali per le attività che avranno sede nella parte antica della città.[su_spacer]

“Si tratta di un risultato straordinario – spiega Venuti -. Abbiamo lavorato in silenzio, senza clamore, ma con atti concreti che hanno dimostrato la volontà dell’Amministrazione di creare uno sviluppo sostenibile con le bellezze della città. I salemitani hanno di fronte una grande opportunità di sviluppo data da una vetrina importantissima – prosegue -, l’auspicio è che questa chance venga colta senza tentennamenti”. Secondo Venuti “l’iscrizione di Salemi nel club de I borghi più Belli d’Italia è un ulteriore tassello di quel percorso di valorizzazione di cui fanno parte anche azioni concrete come la perimetrazione di ‘Piano Cascio’, primo passo per il recupero di una porzione importante del centro storico. Qualcuno – conclude il sindaco di Salemi – a proposito dell’istituzione della Ztl aveva parlato improvvidamente di ‘beffa’ e di ‘propaganda’, ma è stato smentito dai fatti. A queste persone, per il futuro, mi permetto di consigliare maggiore prudenza nei giudizi nei confronti delle scelte di prospettiva fatte dall’Amministrazione e, soprattutto, più amore verso la propria città al di là delle appartenenze politiche”.

SHARE