Ad Erice si pianifica il futuro politico della città

829

Di seguito la nota del Movimento per Erice che Vogliamo, in merito all’incontro svoltosi in data 17 novembre, in merito alla pianificazione politica in vista delle elezioni comunali  in programma ad Erice nel 2017.[su_spacer]

“Durante l’incontro svoltosi lo scorso 17 novembre tra il Portavoce di “Erice che Vogliamo” Gianni Mauro e il Segretario del Partito Democratico di Erice Gian Rosario Simonte, a cui ha partecipato anche il Sindaco di Erice Giacomo Tranchida, si è ribadita la volontà di un percorso comune per la costituzione della futura coalizione per Erice 2017, che oltre a vedere riconfermato l’odierno impegno di governo, deve tendere ad includere anche tutte le forze sane del centro sinistra oltre che i Movimenti Civici presenti sul territorio al di là degli schieramenti ideologici.[su_spacer]

Si è dunque convenuto sulla opportunità dello strumento delle Primarie di coalizione APERTE a tutta la comunità ericina per l’individuazione del candidato Sindaco da presentare agli elettori nel 2017, non ponendo pregiudiziali precostituite sulla proposta del Segretario Simonte di avviare un confronto con tutte le forze politiche e civiche presenti nel territorio, a partire da quelle che naturalmente fanno parte del centro sinistra oltre che dai movimenti civici, per sottoscrivere intanto le linee generali di un Programma e un Patto comune per partecipare con propri candidati alle Primarie di coalizione.[su_spacer]

Il Segretario Gian Rosario Simonte si è fatto dunque carico di avviare un primo confronto anche con il Partito Socialista ericino, oggi all’opposizione di questa amministrazione, al fine di verificare se vi sono le condizioni per iniziare un dialogo costruttivo e propositivo, che porti all’interno della futura coalizione 2017 il Psi, con una conseguente e auspicata modifica netta dei rapporti e comportamenti all’interno dell’attuale Consiglio Comunale, nel rispetto comunque delle immutate e legittime posizioni attuali derivanti dal voto amministrativo del 2012. Rispetto a tanto, da parte del portavoce “per Erice che Vogliamo” Mauro, ribadite dal Sindaco Tranchida, non sono mancate le riserve sull’affidabilità politica del leader PSI, ieri come oggi, non solo a Trapani, come prima a Valderice, per non dire di Erice come Castelvetrano. Dal canto suo, pertanto, Mauro, pur rimanendo abbastanza scettico sull’esito delle buone intenzioni del Segretario del P.D. in merito al proposto confronto con il PSI, che lo ha visto in questi anni in netto contrasto amministrativo, oltre che di schieramento politico, ritiene che il confronto programmatico nei fatti e nelle azioni quotidiane rappresentino la prima discriminante sul banco di prova.[su_spacer]

Il Sindaco Tranchida, dal canto suo, nel ricordare al Segretario cittadino del Circolo del PD Ericino, ove ha richiesto oggi di tesserarsi, di essere financo culturalmente e geneticamente incompatibile con talune leadership ex art 4 inglobate e con enfasi calate dall’alto del PD regionale e nazionale, privilegiando da sempre la legittimazione ed il responso elettorale dei cittadini e dunque la partecipazione democratica dal basso. In coerenza a tanto, ha rilanciato sulla “provocatoria” apertura, invitando il Segretario Simonte a proporre tale legittimazione alle comuni primarie all’indiscusso leader del PSI, proponendo allo stesso di metterci la faccia e dunque di cimentarsi con la personale candidatura alla propedeutica valutazione degli Ericini, di contro assicurando il rispettoso omaggio alla volontà popolare degli ericini”.

SHARE