Presentato ddl contro il gioco d’azzardo, Fazio primo firmatario

127

L’Associazione Osservatorio per la Legalità / Co.Di.Ci. – Centro per i diritti del cittadino, dopo aver aderito alla campagna regionale di “Mettiamoci in Gioco – Sicilia”, recependo i punti cardine del movimento coordinato da don Armando Zappolini, ha lavorato ad un disegno di legge regionale, che potesse dare più poteri ai Sindaci nella lotta all’Azzardo “legalizzato” limitando e regolamentando in particolare l’apertura di nuove sale da gioco sul territorio comunale. A partire dalla bozza di Co.Di.Ci. il ddl è stato scritto anche con il contributo del deputato regionale Girolamo Fazio e da questi presentato agli uffici legislativi dell’Ars.[su_spacer]

Il ddl 1115, che probabilmente verrà firmato anche da altri deputati regionali che ne condividono lo spirito, è una novità assoluta nel panorama normativo regionale rispetto ad altre simili iniziative di legge in discussione al parlamento siciliano che però mirano per lo più alla tutela del soggetto debole affetto da dipendenza patologica e quindi al suo recupero.[su_spacer]

«La campagna regionale “Mettiamoci in Gioco” – spiega Gino Gandolfo, coordinatore di Mettiamoci in Gioco – Sicilia – prosegue le sue iniziative nella lotta all’azzardo, mirando a sensibilizzare le Istituzioni oltre che l’opinione pubblica con una serie di incontri che già stiamo portando avanti con i Sindaci del comprensorio e con le scuole. Ma era doveroso fare un passo avanti, cercando una soluzione che potesse dare concreti poteri alle amministrazioni locali che, sul contrasto al fenomeno, possono fare ben poco dinanzi ai grandi interessi nazionali ed alle prerogative dello Stato sul gioco d’azzardo che, voglio ricordare, ottiene un fatturato di oltre 80 miliardi. Soddisfazione quindi per il prezioso contributo – conclude Gandolfodell’Osservatorio per la Legalità /Co.Di.Ci. di Trapani che ha studiato la questione dal punto di vista normativo».[su_spacer]

Per l’Avv. Vincenzo Maltese, Segretario di CODICI Trapani e presidente dell’Osservatorio per la legalità, si tratta di una svolta per i Sindaci siciliani che finalmente, una volta approvata la legge, avranno potere autorizzativo per le richieste di apertura di nuove sale da gioco. «Questo disegno di leggeintroduce una innovazione vera, assoggettando ad autorizzazione dei comuni e per essi in capo ai Sindaci l’apertura delle sale da gioco e la collocazione delle macchine da gioco negli esercizi aperti al pubblico» spiega l’Avv. Vincenzo Maltese.[su_spacer]

«Viene introdotto inoltre l’obbligo del regolamento di cui l’amministrazione comunale dovrà dotarsi con l’individuazione della fattispecie più idonea all’attività di contrasto, prevenzione e controllo del gioco d’azzardo. Infine – conclude Maltese – non posso che ringraziare l’On.le Mimmo Fazio che si è fatto promotore all’ARS del DDL, condividendo e sposando in pieno le nostre iniziative sulla legalità, che come Associazione portiamo avanti in tutta la Sicilia da oltre un anno».[su_spacer]

«Condividendo a pieno la campagna lanciata da Co.Di.Ci e “Mettiamoci in Gioco – Sicilia” sono contento che la prima firma sul ddl sia la mia – dice l’on. Girolamo Fazio –, ma sono certo che altri colleghi condivideranno l’iniziativa ed auspico una rapida assegnazione del ddl presso la commissione competente e quindi un rapido esame. La norma nel mettere a disposizione dei sindaci strumenti di controllo della materia, attraverso anche un regolamento comunale, al contempo responsabilizza le amministrazioni comunali che possono anche garantire agevolazioni e riduzioni dei tributi locali ai pubblici esercizi che scelgano di aderire alle campagne contro le ludopatie e che quindi non ospitano le slot machine o altre macchine da gioco».[su_spacer]

Il DDL verrà presentato ai Sindaci che aderiscono alla campagna “Mettiamoci in Gioco” nel tour che Gandolfo e Maltese stanno portando avanti.

SHARE