L’Associazione “A misura d’uomo” chiede più vigilanza contro la guida in stato di ebbrezza

165

L’associazione “A Misura d’Uomo” chiederà alle Amministrazioni comunali di Trapani e di Erice di intervenire con una forte campagna di prevenzione sui rischi per la sicurezza stradale derivanti dalla guida di veicoli in stato di alterazione da eccessivo consumo di alcolici o droghe.[su_spacer]

«Lo strumento esiste – sostiene Natale Salvo, segretario del movimento civico “A Misura d’Uomo” –, è l’articolo 208 del Codice della Strada che prevede che una quota delle sanzioni applicate dai vigili urbani siano anche destinate a finanziare progetti di potenziamento di servizi notturni di controllo e prevenzione contro la guida in stato di ebrezza o alterazione da droghe. Serve che la Giunta Damiano e la Giunta Tranchida deliberino tali investimenti piuttosto che impieghino le risorse verso l’inutile continuo acquisto di segnaletica stradale verticale».[su_spacer]

«L’alcol è una piaga terribile in materia di incidenti stradali. L’Organizzazione mondiale della sanità stima che almeno un sinistro su tre è dovuto all’ebbrezza, e chiaramente si tratta perlopiù di impatti con feriti e morti». Dichiara Salvo, riprendendo notizie riportate anche da magazine d’informazione nazionali.[su_spacer]

Spiega ancora Salvo, «un’analisi recente condotta sulla percezione del problema della sicurezza stradale, mostra che per i giovani di 18-29 anni, la guida sotto l’influsso di alcol e droghe, rappresenta il più grande problema (61,6%), seguito dall’eccesso di velocità (57%)».[su_spacer]

L’associazione civica “A Misura d’Uomo”, però, all’atteso inasprimento delle sanzioni penali per la guida in stato di alterazione, chiede sia affiancata una importante campagna di prevenzione da parte della Polizia Municipale, tanto di Trapani che di Erice.

SHARE