Trapani, al via sabato la rassegna letteraria “InChiostro d’Autore… al Sant’Alberto”

116

Torna, a grande richiesta e con una straordinaria edizione invernale, InChiostro d’Autore, la rassegna curata dal giornalista Marco Rizzo e organizzata dall’Ente Luglio Musicale Trapanese.[su_spacer]

Quattro incontri letterari che si svolgeranno negli spazi della Chiesa di Sant’Alberto, in Via Garibaldi, a Trapani. Da dicembre a marzo, un appuntamento al mese con la cultura, un sabato speciale in città.[su_spacer]

Si inizia, infatti, sabato 5 dicembre, alle ore 19.00, nella Chiesa di Sant’Alberto, con il libro “La vita in generale” (Feltrinelli) di Tito Faraci, sceneggiatore di fumetti (già all’opera su personaggi del calibro di Topolino, Diabolik e Dylan Dog). Mario Castelli, detto “il generale”, ha visto la sua vita cambiare radicalmente e adesso è un senza tetto tra le strade di Milano. Ma il passato tornerà per dargli una possibilità di riscatto e di speranza. Un romanzo sull’umanità invisibile, che commuove, sorprende e diverte.

Tra i nomi della rassegna letteraria seguiranno Salvo Toscano, Francesca Fornario, Giorgio Fontana. Ingresso gratuito.

Per informazioni: www.facebook.com/InChiostro-dAutore-1607477459498838/                         

Il Generale, Mario Castelli, è stato alla guida di un’azienda, ha conosciuto l’amore, ha avuto molto dalla vita. Ora non ha più niente. La sua è stata una discesa veloce, inarrestabile, innescata da un imprevedibile tradimento. Dopo la galera, scivolare in basso è stato più facile di quanto potesse immaginare. Ora vive insieme ad altre creature notturne negli anfratti dei senzatetto, dei disperati, dei barboni. Eppure, anche lì, gli uomini e le donne con cui divide la nuova condizione di dropout gli riconoscono la naturale autorevolezza di chi sa come ci si muove nel mondo. Questo continua a essere il suo “teatro” finché la giovane Rita si mette sulle sue tracce: vorrebbe che l’azienda paterna non fosse assorbita da una combinata franco-cinese e sa che il Generale ha le competenze per aiutarla. Bella e lungimirante, Rita conquista la sua fiducia. L’avventura di Mario Castelli torna a muoversi dentro la scena di pescecani, manager assatanati, gelidi manipolatori che lui ben conosce. Sono personaggi vecchi e nuovi, facce diventate maschere e maschere che nascondono altre maschere. è l’occasione per scatenare la buona guerra del riscatto, il miracolo della giustizia.  Frank Capra, “Topolino”, Totò, Il conte di Montecristo – Tito Faraci porta l’audacia della letteratura popolare e delle storie dei fumetti dentro un romanzo comico-sociale vorticoso e appassionante. Per rinascere, bisogna prima morire. E io sono stato un uomo morto. So che cosa significa perdere una vita.[su_spacer]

 Luca “Tito” Faraci è nato a Gallarate nel 1961. È uno dei più importanti sceneggiatori italiani di fumetti. Ha creato storie per Topolino (Giorgio Cavazzano è stato, come usa dire lui stesso, il suo mentore), Dylan Dog, Martin Mystère, Diabolik, Nick Raider ed è stato uno dei primi scrittori italiani a lavorare anche per personaggi di fumetti americani come l’Uomo Ragno, Devil e Capitan America. Per la Disney ha sceneggiato Novecento di Alessandro Baricco dando al protagonista la fisionomia di Pippo. Ha scritto due romanzi per ragazzi: Il cane Piero, avventure di un fantasma e Oltre la soglia, entrambi per Edizioni Piemme. Per Feltrinelli ha pubblicato il romanzo La vita in generale (2015).

SHARE