Finanziamento concesso al Comune di Trapani per iniziative promo-turistiche, l’Osservatorio chiede chiarimenti e accesso agli atti

99

Gli Avvocati Vincenzo Maltese, Filippo Spanò, Vito Callotta e Valerio Duca, i quali compongono il direttivo dell’Associazione “Osservatorio per la legalità e per i diritti violati”, che ha tra gli scopi del proprio Statuto la tutela di tutti i diritti e gli interessi individuali e collettivi dei consumatori, degli utenti e dei contribuenti, nei confronti di qualsiasi soggetto, comprese le giuridiche /Enti Locali”, essendo venuti a conoscenza di un contributo pari ad € 233.770,00 quale risarcimento per i danni derivanti dalla guerra in Libia del 2011, assegnato dal Libero Consorzio Comunale ex DPCM del 13.02.2015, come indicato nella delibera di Giunta n. 97 del 11.09.2015, hanno inoltrato stamane una richiesta di chiarimenti e informazioni, a valere anche come formale richiesta di accesso agli atti ai sensi della Legge 241/90.[su_spacer]

“Ricordiamo che il Comune di Trapani-sottolineano i membri dell’Associazione-, così come gli altri Comuni della Provincia, sono stati destinatari di un contributo per i danni conseguenti al blocco dei voli per la guerra in Libia nel 2011, e, per quanto concerne il Comune di Trapani, il contributo ammonta ad € 233.770,00 così come indicato nella delibera n. 97 del 11.09.2015.  L’Amministrazione, per poter ottenere tale finanziamento erogato tramite il Libero Consorzio Comunale, avrebbe presentato un progetto per iniziative promo-turistiche, da tenersi però entro il dicembre di quest’anno. Tra le iniziative ammesse a finanziamento si conosce solo la mostra delle opere di Picasso, per il quale l’Ente ha impegnato la somma di € 40.000,00 iva inclusa, ma nulla si sa di come intenda impiegare le ulteriori somme né è stato fatto sapere del contenuto di tale progetto finanziato dal Libero Consorzio. Da qui la nostra richiesta di chiarimenti e accesso agli atti, per capire se e come intenda impiegare le differenze, di cui il 50% già erogato e disponibile nelle casse comunali e per quali finalità. Tale iniziativa, oltre ad essere di interesse collettivo circa l’utilizzo di denaro pubblico, è riferito all’assenza ad oggi di programmazione ed iniziative di eventi in città in previsione delle festività natalizie, senza tralasciare la mancata installazione di luminarie ed addobbi natalizi. Si rimane di attesa di risposta che dovrebbe pervenire entro 30 giorni, come per legge”.

SHARE