Erice, Tranchida: “EricèNatale …per tutti!”

211

Le dichiarazioni del sindaco di Erice Giacomo Tranchida in merito alle azioni promozionali intraprese nel centro storico di Erice, nell’ambito del programma EricèNatale.

“Anche al fine di fugare dubbi, meglio informare i cittadini e contenere possibili strumentalizzazioni politiche, si chiarisce la natura ed il perché delle azioni promozionali – luminarie comprese – del centro storico di Erice nell’ambito del programma: EricèNatale / Zampogne dal Mondo.[su_spacer]

Giova fare una sintetica premessa: il Comune di Erice vanta al 31/12/2014 BEN 15.000.000€ di avanzo di amministrazione che, però, non si possono spendere a causa dei vincoli nazionali/europei del cd “Patto di Stabilità”, diversamente dal passato recente che ci consentiva di fare, ad esempio, dignitosamente le luminarie natalizie nelle strade di valle e frazioni (costo aggiornato ad oggi, pari a circa 100.000€).[su_spacer]

La sopravvenuta normativa finanziaria, diversamente dall’utilizzo dell’avanzo di amministrazione (alias risparmi disponibili dalla buona e sana gestione del Comune) consente invece di effettuare spese facoltative nel corso dell’anno tramite l’aumento delle tassazioni in capo ai cittadini …anche per finanziare le luminarie! In tutta onestà, abbiamo anche come maggioranza consiliare  ritenuto opportuno, attesa l’imperante crisi che impoverisce le famiglie, financo diminuire il peso fiscale per i nostri concittadini (INVERO, tasse più basse rispetto a numerosi servizi erogati da altri Comuni vicini) e, pertanto, praticando tagli a destra e manca, ovviamente rinunciare a spese “superflue” nella considerazione che siamo costretti a farci pure carico delle svariate centinaia di migliaia di euro per la manutenzione della rete idrica cui dovrebbe provvedere, com’è noto, l’inadempiente EAS / Regione Sicilia.[su_spacer]

Diversamente stanno le cose, anzi le fonti finanziarie (!!!), che ci hanno consentito di poter organizzare l’evento EricèNatale / Zampogne dal Mondo, luminarie comprese, per l’appunto:

  1. A) fondi vincolati e provenienti dallo Stato, per il tramite dell’ex Provincia TP, quale ristoro ex conflitto libico, per accertati cali turistici in tale periodo, da destinarsi ad attività promo-turistiche entro il 31/12/2015 e dunque necessariamente volte ad azioni per la destagionalizzazione turistica. Il Centro Storico di Erice, Borgo fra i più Belli d’Italia, per l’appunto risulta certificato come sito turistico penalizzato e dunque location ideale e coerente per il reimpiego di dette somme, anche per un minimo di luminarie natalizie, da corollario ad attività ed iniziative in sede locale organizzate in collaborazione con i privati (circuito dei Presepi) come per i Mercatini di Natale (in parte co-finanziati da Upia Casa Artigiani ed operatori economici);
  2. B) fondi provenienti dagli utili della gestione dei siti MUSEALI della vetta (Castello di VENERE, Museo Cordici, Torretta Pepoli e Quartiere Spagnolo) fruiti a pagamento dai turisti, e organizzati dalla Fondazione Erice Arte che, per vincolo statutario, può investire tali risorse per la promozione turistico-culturale del centro storico.[su_spacer]

Tanto per oltremodo chiarire e, al contempo, per ringraziare quanti operatori economici a proprie spese stanno provvedendo a valle con alcuni addobbi luminosi come in Via Manzoni, od Associazioni e Comitati di Quartiere, come a Ballata, a Napola e Raganzile, a fare attività ed eventi natalizi. Al pari ringraziare privati ed operatori economici che in vetta, arricchendo l’offerta turistica, a proprie spese stanno provvedendo alla realizzazione di addobbi ed attività complementari all’accoglienza di turisti che assai numerosi hanno contribuito nel trascorso ponte dell’Immacolata a sostenere le attività economiche locali che, si ricorderà, impiegano anche lavoratori e fornitori della valle ericina. Il Turismo e l’economia derivante dallo stesso, garantisce un sistema socio-economico non chiuso, a maggior ragione nel nostro territorio.[su_spacer]

Resta inteso che l’AC avrà modo, come in passato, di provocare momenti di armonia natalizia presso le Scuole di valle, con la visita degli zampognari (…della vetta) o “inventarsi” a valle azioni promozionali di Erice’Natale promuovendo attività di “informazione” con animazione per i bambini in Piazza Sandro Pertini (ex Cesaro’) nei pomeriggi antecedenti il Natale.[su_spacer]

Per il futuro anno, auspicando la celerità delle complesse procedure di gara etc, qualora permangano gli attuali paradossali vincoli del Patto di Stabilità che non permette di usare decine di milioni di euro di avanzi di amministrazione di Comuni virtuosi come il nostro, INVERO, per servizi ed opere ancor più importanti per la comunità cittadina, anticipiamo l’intendimento d’inserire nell’ambito del progetto d’ammodernamento a Led della pubblica illuminazione, l’opzione premiale in capo alle ditte partecipanti per l’offerta delle luminarie natalizie per tutto il territorio comunale, tanto a valle e nelle frazioni quanto in vetta”.

SHARE