Castelvetrano, sarà inaugurato venerdì 18 dicembre il Museo della Civiltà Contadina

222

Il Sindaco della città di Castelvetrano, avv. Felice Errante, invita la cittadinanza a partecipare all’ inaugurazione del museo comunale della civiltà contadina: “Francesco Simanella” che si terrà venerdì 18 dicembre con inizio alle ore 10.30.  Il museo è ubicato nei locali del “Collegio di Maria” nel Sistema delle Piazze a Castelvetrano.[su_spacer]

“Con l’apertura di questo museo si realizzerà un sogno che cullavamo da molto tempo- afferma soddisfatto il Sindaco Errante- quello di avere qui a Castelvetrano un museo che documenterà l’identità del nostro paese e che manterrà viva la memoria del nostro gruppo sociale. Un museo-laboratorio con alto valore non solo culturale,  bensì sociale poiché fungerà da collante tra due generazioni: gli anziani, il cui compito è quello di tramandare, e i giovani il cui compito è quello di accogliere le testimonianze dando senso e consapevolezza ai processi di trasmissione culturale. Voglio ringraziare per la professionalità, la disponibilità e l’impegno profuso l’associazione Culturart che ha avuto incarico, da parte di questa amministrazione, di allestire il museo e che ne seguirà la crescita, nelle persone degli architetti Dina Leone e Franco La Barbera , responsabili del progetto di allestimento e coordinamento dei lavori; della prof. Arianna Maniscalco, responsabile del coordinamento scientifico, didattico-laboratoriale; e Flavio Leone, responsabile delle immagini fotografiche e video.”[su_spacer]

Su richiesta dell’associazione Culturart il museo sarà intestato a Francesco Simanella, che fu il primo Sindaco di Castelvetrano dopo la nascita della Repubblica Italiana dal 1946 al 1949 distinguendosi per il suo operato onesto ed appassionato, e quale ringraziamento al nipote Gigi Simanella ed Annamaria Caporelli i cui oggetti, raccolti per anni, costituiscono i beni materiali presenti nel museo.[su_spacer]

Il Sindaco ha aggiunto: “ Un ringraziamento lo rivolgo a tutti coloro che, a vario titolo, hanno sposato e supportato l’allestimento del museo credendo in un progetto che diventa un’importante tappa culturale per tutti coloro che verranno a visitare il nostro paese e che avranno l’opportunità, quindi, di venire a conoscenza di una civiltà che ha dato e che da sussistenza economica e culturale al nostro gruppo sociale.”[su_spacer]

Senza voler svelare troppi dettagli, l’associazione Culturart precisa che la scelta di un allestimento brillante e moderno, sebbene simbolicamente legato a matrici tradizionali, la presenza di elementi tecnologici così cari alle generazioni più giovani e la realizzazione di un ambiente adibito a laboratorio per attività didattiche e non solo, fa di questo museo un tassello importantissimo e di pregio di quel grande puzzle culturale che questa amministrazione sta cercando di comporre, sebbene le difficoltà del periodo, per offrire, a chi vive nella nostra cittadina e anche a chi la visita solo per un giorno, possibilità importanti di crescita e condivisione culturale.

SHARE