Natale a Trapani, il PD attacca il “drammatico villaggio di Natale”

190

“Il drammatico villaggio di Natale”. Così lo definisce Francesco Brillante, segretario PD di Trapani, in una nota stampa, nella quale si tratta uno dei temi più in voga in questo periodo, ovvero gli alberi di Natale che il Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali di Trapani ha fornito, in forma gratuita, all’Amministrazione Comunale, che la stessa ha  affidato ai commercianti del territorio comunale in occasione delle prossime feste natalizie.   [su_spacer]

“Il drammatico villaggio di Natale. Come ogni anno siamo arrivati al periodo natalizio, e come ogni anno, preciso come un orologio svizzero l’amministrazione Damiano ci offre delle grandi sorprese.
Dopo due anni di nulla assoluto, infatti questa sindacatura ha dimostrato ai trapanesi che si può fare assolutamente di peggio che non fare: fare male, anzi malissimo.
Ed è così che Damiano e la sua nuova “giunta salva poltrona”, supportata dagli 11 pavidi consiglieri “salva loro poltrona”, dimostrano che al peggio non c’è mai fine.
“L’amministrazione donerà 100 alberi di natale” titolavano i giornali, ed invece pare che qualcuno al Comune di Trapani ce l’abbia a morte con gli alberi. Infatti dopo un selvaggio sterminio di tutti gli alberi presenti nello scorrimento veloce al cui non è seguita nemmeno una piantumazione, dopo la “mortale” capitozzatura degli alberi presenti al centro storico, adesso si distribuisce per Natale degli alberi che di albero di Natale non hanno proprio nulla, nemmeno una lontana sembianza, imparandone alcuni in blocchi di cemento esposti in bella vista in via Torre Arsa come fanno le tribù del Laos con le teste mozzate su pali di legno. In più si pretende che i cittadini di loro sponte “salvino” gli alberi che sono per la maggior parte dei casi men che rami senza chioma.
In ultimo si vocifera che per la vigilia di Natale saranno pronte delle luminarie, e che se ne occuperà direttamente l’assessore Spina, che , tra l’altro, sembra abbia chiesto a tutti i consiglieri di mettere pro quota una somma che servirà direttamente per promuovere un progetto della sua Cives. Ottimo esempio di come fare propaganda elettorale con il Natale, e se vogliamo anche con le tasche degli altri.
Da quando si è insediata la “giunta della salvezza” solo due atti sono apparsi prioritari: l’assessore Spina si è immediatamente fatto pulire l’uscio di casa (vedi la pulizia nelle mura che costeggiano la caserma Giannettino) e l’assessore Briale ha immediatamente avviato la disacerbatura nella (sola) zona di Xitta, con buona pace di tutte le altre zone della città che al momento non sono indispensabili per salvare la poltrona del Sindaco.
Il 22 ottobre è stata persa una grande occasione per tutta Trapani. Trapanesi ricordatevelo, nel frattempo prendetevi questo “buon Natale”.

SHARE