Erice, Tranchida ringrazia le Forze dell’Ordine per l’arresto di una banda criminale

199

 

Il Sindaco di Erice, Giacomo Tranchida, attraverso una nota stampa ha ringraziato le Forze dell’Ordine in merito all’importante operazione, che ha portato all’arresto di una giovane banda criminale che imperversava in danno di operatori commerciali e cittadini, in particolar modo nel territorio ericino, seminando – insieme ad altri criminali – terrore e paura.[su_spacer]

“Considero tale risultato fondamentale per la “riconquista” di un rapporto fiduciario della opinione pubblica nei confronti dello Stato, e dunque nel duro lavoro investigativo delle Forze dell’Ordine oltre che Giudiziario – scrive il primo cittadino-, necessitoso di urgenti e concreti potenziamenti con uomini e mezzi in questa provincia di “frontiera” (dai latitanti di mafia: Matteo Messina Denaro per cominciare, al costante controllo e vigilanza su un sistema sociale e produttivo sovente condizionato dalla mafia economica dei colletti bianchi; dagli sbarchi d’immigrati alla “ordinaria” condizione di esposizione sociale conseguente allo svuota carceri, ETC), senza indugi e con atti concreti da parte del Governo nazionale. Rapporto fiduciario da rinnovarsi e che già si “respira” anche nel popoloso e multi problematico quartiere di San Giuliano, dove la stragrande maggioranza in assoluto degli onesti ma impauriti abitanti, registrato il presidio in particolare di questi giorni di pattuglie dei Carabinieri e della Polizia, ritorna tranquillamente per strada, a fare compere e vita sociale, senza più trincerarsi a casa dopo il calar del primo sole. Confermo e ribadisco l’impegno a fare la “mia” parte, nei limiti delle competenze e subordinatamente ai vincoli del condizionante “Patto di Stabilità” che congela risorse imponenti del mio, come altri, virtuosi Comuni, che necessariamente anche su tale fronte dovrebbero avere più spazi di manovra finanziaria e sociale!!! Grazie alle Donne e agli Uomini dello Stato che ci aiutano nel difficile ed arduo compito di costruzione delle comunitá che vogliamo, nonostante la crisi e le difficoltà socio/economiche note. La SICUREZZA e la sua percezione, non solo da’ speranza ma anche fiducia nella ripresa democratica e civile della vita quotidiana delle nostre Città. Rimango fiducioso che il Governo nazionale oltremodo indirizzi gli sforzi sinora prodotti”.

SHARE