Tari 2015: la Cgil di Marsala chiede all’amministrazione comunale la proroga del pagamento del saldo

250

Importi della Tari eccessivamente onerosi per i cittadini marsalesi. A intervenire sulle tariffe previste per la tassa sui rifiuti è la Camera del lavoro di Marsala che, in occasione del saldo della Tari per il 2015, giudica “sproporzionati gli importi complessivi che saranno pagati”. In questi giorni ai contribuenti marsalesi sarà, infatti, recapitato il saldo della tassa sui rifiuti, da pagare entro il 16 gennaio. [su_spacer]

“Considerato che a Marsala si fa la raccolta differenziata – dice il segretario della Camera del lavoro Piero Genco – non comprendiamo la ragione per cui la tariffa sia stata, nel corso degli anni, aumentata piuttosto che subire una riduzione, così come è avvenuto in altri Comuni. Anche se il tributo per l’anno 2015 non ha subito un aumento gli importi sono comunque insostenibili”. [su_spacer]

La Cgil di Marsala chiede, pertanto, al sindaco Alberto Di Girolamo di spostare la scadenza del pagamento in modo consentire ai cittadini di ammortizzare l’esborso dell’Imu e della Tasi, pagati circa venti giorni fa. [su_spacer]

“Riteniamo indispensabile – conclude il segretario Genco – permettere a tutti i contribuenti di pagare la Tari senza un ulteriore aggravio di sanzioni e interessi. E’indispensabile – conclude – avviare un confronto  con l’ amministrazione comunale sui temi dei tributi locali, che investono così pesantemente i cittadini marsalesi, finalizzato a trovare soluzioni eque e sostenibili per tutti i contribuenti“.

SHARE