Trapani, Interrotta per mancanza del numero legale la seduta straordinaria dedicata al Luglio Musicale Trapanese

“Una grande occasione perduta”, così il Presidente del Consiglio Comunale, Peppe Bianco, definisce la seduta straordinaria dedicata al Luglio Musicale Trapanese, protrattasi per due giorni e interrotta per la mancanza del numero legale. Oggi pomeriggio (7 giugno) in aula alla ripresa dei lavori dopo la pausa pranzo c’erano solo dieci Consiglieri, due meno del minimo richiesto: lo stesso Bianco e poi Enzo Abbruscato, Domenico Ferrante, Ninni Barbera, Giorgio Colbertaldo, Francesco Briale, Michele Cavarretta, Nicola Lamia, Franco Ravazza, Nicolò Giarratano; presenti anche i due ex Consiglieri delegati del “Luglio” Gino Bosco e Giovanni De Santis, il sindaco Vito Damiano, il sindacalista Pietro Li Causi. “In questa fase della ripresa pomeridiana mancavano anche molti dei firmatari la richiesta di Consiglio straordinario – dice il Presidente Bianco – e così non è stato possibile trarre le conclusioni di due giornate di dibattito a volte anche polemico, ma importantissimo per capire qual è la situazione dell’ente musicale, e soprattutto per tracciare la rotta per il suo futuro”.[su_spacer]

Il Consiglio era stato convocato per le ore 10,00 di ieri, lunedì 6 giugno, e si era protratto per buona parte della giornata iniziale per essere poi rinviato alla mattina di oggi. Diversi gli interventi che si sono susseguiti: il sindaco Damiano attuale presidente del LMT, il Consigliere Barbera che ha presentato la relazione della Commissione d’Indagine sul Luglio Musicale Trapanese da lui presieduta, gli ex C.d. Bosco e De Santis, i Consiglieri Fazio che è stato anche presidente dell’ente nella qualità di sindaco pro tempore, Salone e Abbruscato, il sindacalista Li causi. “Dal dibattito sono emerse posizioni anche diverse, a volte magari venate di personalismo, ma sempre importanti per l’ente che è una delle due istituzione culturali fondamentali per Trapani, assieme alla Biblioteca Fardelliana – si duole il presidente Peppe Bianco – ed è stato davvero un peccato non potere trarre le dovute conclusioni per l’assenza di tanti Consiglieri che hanno vanificato l’ottimo lavoro svolto fin qui. Ringrazio di cuore quanti, interni ed esterni al Comune, hanno partecipato alle sedute sacrificando il proprio lavoro e la famiglia, e mi spiace che non tutti abbiano mostrato pari sensibilità”.

SHARE