Tranchida: avviati ad Erice i lavori di edilizia scolastica

-

Tramite una lettera rivolta alle famiglie, agli alunni e al personale dei plessi scolastici interessati, il sindaco di Erice, Tranchida, ha comunicato stamane che in questi giorni sono stati avviati i lavori di edilizia scolastica che interessano gli istituti “Walt Disney”, l’Istituto Comprensivo “G. Pagoto”, il “Giuseppe e Salvatore Asta”, il 1’ Circolo Didattico di Erice “G. Pascoli”, la scuola media   “A. De Stefano”, il “G. Castronovo” e l’Istituto Comprensivo “G. Mazzini”.

Il progetto edilizio, realizzato grazie ad un finanziamento pubblico di circa 2 milioni di euro,  risponde all’esigenza di favorire il decoro e l’utenza scolastica, garantendo la fruizione delle strutture sopracitate in conformità ad un’adeguata messa in sicurezza delle stesse.

A corroborare il progetto contribuisce la rifunzionalizzazione della Baden Powell e il completamento del primo piano del plesso “Gemellini Asta”, reso possibile dall’attività governativa intrapresa nell’ambito dell’operazione “sblocca scuole” prevista dalla legge di stabilità 2016. Con l’intento di sopperire ai notevoli ritardi che questi  interventi hanno registrato in passato, l’amministrazione comunale di Erice ha tentato di accelerare la tempistica,  riuscendo a completare, nel più breve tempo possibile, le procedure d’appalto relative ai progetti proposti. In particolare è prevista la realizzazione di un impianto di climatizzazione presso gli istituti “Walt Disney”, “Gemellini Asta” e “Castronovo”, la sistemazione delle aree esterne della scuola “Walt Disney” e l’avviamento di lavori di manutenzione straordinaria delle coperture e della pavimentazione della palestra Pino Cardella, adibita ad uso scolastico.

Si prevede che la durata dei lavori sia di circa 70 o 90 giorni e benché gran parte della loro esecuzione avverrà durante le ore pomeridiane  e nei giorni prefestivi, alcuni interventi sono condotti contestualmente allo svolgimento delle attività didattico-amministrative scolastiche, alla luce del fatto che le risorse finanziarie stanziate dal Governo dovranno essere utilizzate entro la data della loro decadenza, fissata al 31 dicembre 2016. Nondimeno Tranchida rassicura sull’applicazione di ogni norma volta ad assicurare la sicurezza degli alunni e del personale didattico. «Pur comprendendo gli inevitabili disagi che nasceranno durante i lavori – afferma Tranchida – auspichiamo la massima collaborazione del personale della scuola e delle famiglie, nella consapevolezza che al termine di questo breve periodo potremo contare su edifici scolastici migliori, più efficienti e confortevoli». L’amministrazione ericina ha inoltre avanzato la proposta di ulteriori interventi di edilizia scolastica in merito ai quali ci si augura l’elargizione governativa di aggiuntivi spazi economici.