Incendiata l’auto di Lia Grillo, militante del M5S

Prima l’intimidazione, poi i fatti. È così che nella notte tra il 15 e il 16 maggio è stata incendiata l’autovettura di Lia Grillo, rilegatrice trapanese e attivista tra le fila del Movimento Cinque Stelle.

Il giorno precedente all’accaduto è stata rinvenuta, davanti alla sua abitazione, una bottiglia incendiaria spenta, un chiaro avviso di quanto sarebbe poi accaduto in seguito ad opera di ignoti.

A diffondere la notizia è stata la stessa Grillo che ha pubblicato, in un post su face book, la fotografia dell’auto danneggiata.

Numerosi i commenti di solidarietà a sostegno della grillina, non ultimo quello del senatore pentastellato Vincenzo Maurizio Santangelo : «Esprimo la mia personale solidarietà a Lia Grillo  fatta oggetto di un vile e gravissimo atto intimidatorio subito con l’incendio della sua auto», ha pubblicamente commentato il senatore.
«Spero che presto gli inquirenti possano assicurare alla giustizia l’autore o gli autori del reato.
Forza Lia non sei sola!!!!!
»

SHARE