Il consigliere comunale Francesco Salone difende a spada tratta Mimmo Fazio e invita: «continuiamo la campagna elettorale».

Di seguito la nota integrale del consigliere Salone:

Io ci sono… faccio mio il motto lanciato da Mimmo Fazio a inizio di campagna elettorale.

Io, Francesco Salone, ci sono. E ci sarò nel prosieguo di questa campagna elettorale perché lo conosco Mimmo Fazio, perché mi sento politicamente ed anche umanamente legatissimo a lui al punto che, esagerando e malignando, qualcuno mi ha voluto definire il suo “delfino”.

Oggi sento il dovere di essere all’altezza di questa esagerazione e quindi affermo con forza che Io ci sono… vicino a Fazio più di prima, con ancora più convinzione a sostenerne l’elezione a sindaco e a impegnarmi nella campagna elettorale, e come me sono certo ci sono tanti altri cittadini trapanesi convinti della forza e della rettitudine di Fazio.

Davvero si può immaginare che Mimmo Fazio si sia fatto corrompere per qualche biglietto gratis per l’aliscafo e per una macchina in prestito? Fazio è il sindaco che ha gestito milioni di euro negli anni della sua amministrazione senza mai ricevere un avviso di garanzia. Da Mimmo Fazio ho imparato ad agire sempre nel giusto e per il bene della collettività, in questo mi sento il suo delfino.         

Io sono convinto dell’estraneità ai fatti contestatigli: il tempo e la magistratura faranno chiarezza sulle vicende criminose e Fazio ne uscirà indenne.

Nessuno ci fermerà, neppure questa indagine che, sono convinto, non riduce le potenzialità della candidatura di Mimmo Fazio, perché la misura cautelare non è una condanna.

A noi rimane solo un unico modo per stargli accanto: continuare la campagna elettorale, non fare morire il motivo più alto della politica. Il confronto democratico oggi è ancor più importante in una città disorientata da quanto accaduto in quarantotto ore. Che gli avversari ci battano alle urne se ne hanno la forza e il consenso.