Sinatra incontra l’elettorato: “È un invito agli ericini. Perché adesso è possibile immaginare, insieme, un futuro ”

Una data importante, quella di domenica 28, per Maurizio Sinatra e i suoi sostenitori. Una squadra, un gruppo di lavoro che da mesi, con regole chiare, lavora per raccogliere “la voce” del territorio. Regole condivise che hanno dato vita a un metodo –  decisamente lontano dalle usuali logiche che scaturiscono da interessi personali e strategie numeriche – basato su una partecipazione concreta e articolata. Si è, infatti, tracciato un percorso sul territorio con incontri diretti con cittadini, attività produttive, imprenditori, associazioni, professionisti, per conoscere e condividere i problemi della comunità e, quindi, dare riscontro alle precise esigenze dei cittadini. Esigenze che vanno dalla necessità di efficienza dell’ordinaria amministrazione, al bisogno di poter esprimere e vivere le proprie passioni, siano esse in ambito artistico, culturale o sportivo.

Un percorso che ha unito, in un’unica voce al servizio della comunità, esperienze e competenze sociali e professionali con le idee dei giovani attivi sul territorio, e che ha dato vita ad un programma condiviso e articolato. Al centro dell’attenzione, per Sinatra e i suoi sostenitori, un nuovo progetto culturale definito da atti concreti, da strumenti operativi, da decisioni politico-istituzionali, e che parte dal riordino del territorio e dal recupero del valore storico e culturale della città di Erice. Direttamente conseguente, da parte dell’avvocato Sinatra, la scelta, basata sulle competenze, degli assessori Gianfranco Sernesi e Giovanni De Santis, che saranno al fianco dei Candidati durante l’evento di domenica.

L’incontro, prevedibilmente molto partecipato, sarà aperto dallo spot della campagna elettorale che ha il suo claim nel tema “Immagina … si può fare.”, una frase che, con le parole di Sinatra: “È un invito agli ericini. Perché adesso, nel presente, è possibile immaginare, insieme, un futuro che può nascere solo dalla nostra storia millenaria”.