Uomo pestato a sangue per 2 euro

Frattura del naso, frattura scomposta dello zigomo e cecità temporanea ad un occhio. Questo il referto di un uomo trapanese di 38 anni pestato a sangue giovedì scorso intorno alle 22 in via dell’Uva a Trapani, una zona di poco defilata dal centralissimo Corso Piersanti Mattarella.

Secondo il racconto della vittima, questi stava rientrando a casa quando è stato avvicinato da tre uomini di colore, presumibilmente extracomunitari i quali gli avrebbero chiesto delle monete. «Mi dispiace, ma non ne ho»: al rifiuto dell’uomo sembra sia scattato il pestaggio. Gli aggressori gli si sono scaraventati contro massacrandolo violentemente con pugni e pedate. Una ferocia inaudita contro la quale la vittima non ha potuto reagire. Il fatto più preoccupate è che dei numerosi passanti che hanno assistito alla scena nessuno si è degnato né di fermarsi in soccorso dell’uomo aggredito, né di richiedere l’intervento delle forze dell’ordine.

Soltanto dopo che gli aggressori si erano dileguati, facendo perdere le proprie tracce, un uomo ha visto la vittima riversa per strada e gli ha prestato soccorso, conducendolo al P.O. del presidio ospedaliero Sant’Antonio Abate dove, da una prima diagnosi, è emerso che il paziente, visibilmente tumefatto e pieno di lividi dappertutto, presentava una frattura scomposta dello zigomo, la frattura del setto nasale e una cecità, si spera temporanea, ad un occhio. Dopo aver fornito le prime cure al paziente, e dopo avergli applicato i punti di sutura al naso, l’equipe medica trapanese ha disposto che il paziente venisse trasferito a Palermo, per fornirgli specifiche cure oculistiche

SHARE