Tolleranza zero per gli illeciti edilizi nel territorio sanvitese, pugno duro dell’amministrazione

Tolleranza zero per gli illeciti edilizi nel territorio sanvitese. La Polizia Municipale guidata dal comandante Giuseppe Messina, applicando le direttive dell’Amministrazione comunale, ha effettuato un capillare controllo del territorio che ha portato a sequestri di aree e cantieri interessati da interventi edilizi abusivi; sono state inoltre acquisite al patrimonio comunale indisponibile aree sulle quali erano stati commessi illeciti edilizi. L’attività di controllo ha inoltre bloccato alcune iniziative abusive in aree di interesse naturalistico sottoposte a vincolo.

In una zona periferica ove persistono vincoli idrogeologici e paesaggistici, sono state sequestrati due cantieri in un’area di circa mille metri quadrati nei quali si stavano realizzando interventi di spietramento e movimentazione terra e rocce con la realizzazione di una piattaforma di 200 metri quadrati, certamente preludio a realizzazioni edilizie abusive; il sequestro è stato convalidato dall’Autorità giudiziaria.

La Polizia municipale è intervenuta anche in uno dei posti più belli e selvaggi dell’intero territorio dove era stata realizzata una discarica abusiva che col trasporto di materiale di risulta aveva anche alterato il profilo della costa. In questa discarica venivano portati rifiuti di ristrutturazioni edilizie, terra e rocce da scavo, e anche plastica e legno che venivano bruciati per lo smaltimento. “In questo caso – dice il comandante della Polizia municipale – oltre all’enorme danno al patrimonio naturalistico venivano immessi nell’atmosfera gas tossici provenienti dalla combustione della plastica”. Anche questa area è stata posta sotto sequestro.

Sono state inoltre acquisite al patrimonio indisponibile del Comune una quindicina di aree ove erano state realizzate costruzioni abusive: il controllo della Polizia municipale e del personale dell’Ufficio tecnico del Comune ha permesso la loro individuazione e il sequestro col successivo ripristino dei luoghi, cioè la distruzione delle opere abusive. Anche questi interventi erano stati realizzati in aree di particolare pregio ambientale.

Il sindaco Matteo Rizzo è soddisfatto dei risultati ottenuti: “Il controllo del territorio operato dalla Polizia Municipale e dalle altre forze dell’ordine restituisce bellezza e dignità al nostro territorio – dice – ed è la dimostrazione che il perseguimento del concetto della legalità e l’applicazione delle norme sono il migliore biglietto da visita per questa Amministrazione, che si prepara ad una nuova, esaltante stagione turistica”.

SHARE