Inaugurazione della nuova Sala Multimediale del Museo Civico di Castelvetrano

La Sala Multimediale del Museo Civico di Castelvetrano, prima tappa per la conoscenza integrata della cultura Selinuntina” cofinanziato nell’ambito dell’Avviso Giovani per la Valorizzazione dei Beni Pubblici, dal Dipartimento della Gioventù e del SCN della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il Progetto è stato realizzato dall’ATS composta da Associazione Officina Tour Project, Associazione StArS_ Storia e Architettura in Sicilia e Comune di Castelvetrano che ha concesso in comodato d’uso gratuito la Sala sita al primo piano di Palazzo De Maio per la durata di 5 anni come previsto dalla convenzione di ammissione a finanziamento.

Le attività avviatesi l’8 gennaio 2015 propongono una nuova configurazione della Sala che attraverso un nuovo allestimento progettato dall’architetto Simona Zichichi e dall’ing. Gabriele Lo Cacciato espone una mostra di disegni di Selinunte, realizzati dai viaggiatori del Grand Tour, e di fotografie di Sebastiano Raimondo. La sequenza di immagini ispira tutte le attività promosse dall’iniziativa e porta a riflettere sul tema della rappresentazione, antica e contemporanea. L’allestimento è dotato di applicazioni multimediali 3D e realtà aumentata che offrono la possibilità di navigare in maniera interattiva il Tempio E di Selinunte attraverso un IPad, ma ancor più significativa è la possibilità che hanno offerto le nuove tecnologie e la stampa 3D di realizzare i modelli tattili per ciechi e ipovedenti dei monumenti più significativi del territorio: il tempio E di Selinunte, una mappa tattile dell’area archeologica e la statuetta del celebre Efebo (realizzati a cura della stamperia regionale Braille di Catania).

Il plastico del Sistema delle Piazze è stato realizzato dall’architetto palermitano Antonio La Colla. A 16 studenti dell’Istituto “Cipolla Pantaleo Gentile” coinvolti in un percorso di Alternaza Scuola Lavoro, supportati dalla Tutor interna prof.ssa Francesca Riggio, è stato affidato il compito di riprodurre il modello tattile della Trinità di Delia, che fa parte adesso del percorso tattile della sala. Un’equipe di esperti professionisti (arch. Monica Marchese, ing. Marcello La Guardia, PradLab) hanno formato gli studenti attraverso un corso di rappresentazione architettonica: rilievi sul campo, modellazione 3D e stampa 3D.

Un altro gruppo di 16 studenti, sempre dell’Istituto Cipolla Pantaleo Gentile, attraverso la guida della tutor interna prof.ssa Letizia Liotta, ha intrapreso un percorso orientato all’apprendimento di competente di guida e operatore museale. Coordinati dalla castelvetranese Gabriella Li Causi gli studenti hanno prodotto narrazioni personali dei beni culturali del territorio. Inoltre un esperto di tiflologia ha tenuto loro un seminario per acquisire i metodi di guida per ciechi e ipovedenti e Mirko Tamburello ha condotto gli studenti attraverso la realizzazione di un loro personale reportage fotografico del Centro Storico. Il progetto coordinato da tre donne, Roberta Denaro, Laura Scaduto e Federica Scibilia, ha coinvolto un gruppo numeroso di giovani under 35 in prevalenza femminile realizzando tutti gli obiettivi previsti dal bando di finanziamento.

SHARE