Marsala, garage in fiamme. Si sfiora la tragedia. Tra le vittime anche un poliziotto e un vigile del fuoco

Non si arresta l’ondata di fuoco che si è abbattuta nel marsalese. Dopo i plurimi incendi appiccati lo scorso fine settimana in diversi punti della città, oggi la notizia, riportata da Tp24.it, dell’ennesima auto in fiamme, ma questa volta si è sfiorata la tragedia. Dieci infatti sarebbero i feriti, ricoverati per intossicazione a causa dei fumi tossici di un incendio sviluppatosi intorno alla mezzanotte di ieri sera nel garage di un palazzo sito in via Oberdan,  accanto la sede della Selmar Technologies. Da una prima ricostruzione sembrerebbe che l’autovettura parcheggiata all’interno del garage abbia preso fuoco per cause non ancora accertate e che le fiamme, divampandosi, abbiamo bruciato anche tre ciclomotori. Da lì a poco è scoppiato il caos. Il fumo ha invaso le due scale di accesso ai piani superiori, ostruendo così la via di fuga ai quarantasette inquilini rimasti braccati dalle fiamme e dal fumo nelle loro abitazioni. Sono stati attimi di panico e terrore scanditi dall’incalzare di sirene spiegate. Scattato l’allarme, è stato tempestivo l’intervento della polizia e dei vigili del fuoco di Marsala che hanno provveduto all’evacuazione dell’edificio mantenendo il controllo in una situazione che diversamente sarebbe degenerata in tragedia.

Gli inquilini del palazzo sono stati condotti in salvo attraverso le finestre e per dieci di loro, avvelenati dalle esalazioni tossiche, è stato necessario il trasporto immediato al pronto soccorso. Tre sarebbero in gravi condizioni, ma la loro prognosi è ancora riservata. Tra le vittime del rogo anche un poliziotto e un vigile del fuoco che durante le operazioni di soccorso hanno ceduto le loro maschera ad alcuni inquilini che versavano in gravi condizioni.

Si è trattato di un’operazione complessa ed estremamente complicata, durata  ben sette ore e mezzo e che ha coinvolto anche le squadre di vigili del fuoco di Trapani e di Mazara del Vallo.