Arrestato per detenzione e spaccio, coltivava marijuana tra i pomodori

Continua incessante l’azione di controllo sul territorio dei Carabinieri di Castelvetrano del locale Nucleo Operativo e Radiomobile, allo scopo di porre fine al sempre più dilagante fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, i quali in questi giorni stanno effettuando numerosi controlli in città e nelle zone periferiche.

Durante uno di questi mirati servizi, attratti dal forte odore di marijuana, in prossimità di Via Campobello i militari  individuavano, all’interno di un giardino coltivato a pomodori, la presenza di due piante di cannabis opportunamente occultate ed in perfetto stato vegetativo.

La proprietà della sostanza stupefacente era ascrivibile a Giovanni Angileri, soggetto già noto alle forze dell’ordine, cinquantenne di Castelvetrano, in quel momento notato a coltivare il piccolo fondo agricolo.

Subito dopo l’individuazione delle piante, i Carabinieri procedevano al controllo anche all’interno dell’abitazione del soggetto rinvenendouna modica dose di haschish, un bilancino di precisione ed altro materiale utile al taglio della sostanza stupefacente.

L’operazione in tema si inquadra nell’ambito dei controlli finalizzati a scoraggiare i giovanissimi e non al consumo di droga, fenomeno, questo, che appare sempre più dilagante e preoccupante, in particolar modo per quel che attiene il settore degli stupefacenti leggeri, che negli ultimi anni appare avere avuto addirittura un maggiore incremento.

SHARE