Oltre ottanta cittadini alla conferenza sui combattimenti tra cani indetta da Enrico Rizzi

Oltre ottanta cittadini, nonostante il caldo, hanno partecipato alla conferenza sui combattimenti tra cani indetta da Enrico Rizzi, Presidente Nazionale del Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali. Alla conferenza, che si è svolta all’Hotel Crystal, sono intervenuti anche il Sen. Antonio D’Alì e l’On. Nino Oddo.

Una sala gremita ha più volte applaudito il giovane animalista, da più di due anni impegnato nella lotta ai combattimenti tra cani, subendo parecchie volte ritorsioni e minacce. Rizzi, molto deluso per la totale assenza delle Autorità Locali (Prefetto, Questore e Colonnello dei Carabinieri) che non hanno raccolto il suo invito a partecipare, ha comunque deciso di lanciare pubblicamente l’ennesimo appello proprio alle stesse massime autorità provinciali, affinchè intervengano nel più breve tempo possibile per togliere dalle mani dei pregiudicati, i cani in loro possesso, ripristinando la legalità nel territorio. Il leader animalista sperava in un confronto con i cittadini che pretendono risposte dalle Istituzioni, ma questo purtroppo non è avvenuto. Nessun delegato infatti, è stato da loro inviato.

L’On. Nino Oddo, ha ringraziato pubblicamente Enrico Rizzi per il suo forte impegno e ribadendo il suo impegno ad istituire la figura del Garante dei Diritti degli Animali. Il Sen. Antonio D’Alì ha voluto precisare il fatto che lo Stato c’è, ma che certamente deve fare sempre di più per fermare un fenomeno barbaro, crudele ed altamente criminale, dove sicuramente vi è un giro d’affari non indifferente.

Qualche ora prima della conferenza, il Commissario Straordinario del Comune di Trapani, Dott. Francesco Messineo, ha scritto ad Enrico Rizzi che l’aveva invitato a partecipare. ” Auguro ogni successo alla conferenza ma sono impossibilitato a partecipare per impegni istituzionali che mi trattengono in sede e che non sono delegabili ad altri. Posso assicurarle l’impegno degli uffici competenti a proseguire nell’attività di prevenzione e di contrasto del fenomeno affrontato già di recente con le locali forze dell’ordine” – si legge nel documento.

Il Commissario Straordinario ha trasmesso la nota inviata a Rizzi, per conoscenza, a S.E. Prefetto di Trapani.

SHARE