Cambio gomme: Ultimi giorni utili

L’autunno è entrato nella sua fase centrale, anticipando i primi segnali dell’inverno già piombato su molte zone d’Italia con maltempo e abbondanti precipitazioni.

L’arrivo della stagione fredda è anche il momento per ricordare che mancano davvero pochi giorni, anzi poche ore, al 15 novembre, data in cui scatterà l’obbligo di equipaggiarsi con penumatici invernali o avere a disposizione catene da neve nei tratti stradali dove è previsto tale obbligo, pena il pericolo di incappare in multe ma soprattutto esponendosi ai rischi di una circolazione stradale che, durante i periodi più freddi dell’anno, si fa davvero critica.

La direttiva del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, datata 16 gennaio 2013 delega al gestore o all’ente proprietario della strada la prescrizione che i veicoli in transito siano muniti di pneumatici invernali oppure abbiano a bordo “mezzi antisdrucciolevoli” idonei alla marcia su neve e su ghiaccio.

Questo vuol dire che bisogna montare sulla propria automobile pneumatici invernali (identificati dalle lettere M+S) oppure, in alternativa, avere a bordo catene da neve.

È possibile, conoscendo le caratteristiche della propria vettura, evidenziate sul Libretto di Circolazione, scegliere online le tue gomme da neve tra una vasta gamma di modelli e produttori, approfittando di prezzi vantaggiosi che sono molto più concorrenziali di quelli praticati dai negozi fisici, a patto di conoscere bene le caratteristiche delle gomme e scegliere quelle adatte per la propria auto.

Le gomme invernali si riconoscono dalle lettere M+S oppure MS, M/S, M-S e M&S (Mud+Snow ovvero fango+neve) presenti sulla spalla dello pneumatico.

La Direttiva Europea 92/23/CEE relativa all’utilizzo delle gomme invernali, consente l’utilizzo, a parità di misura, di un codice di velocità inferiore a quello omologato sul libretto di circolazione, ma rispettando il valore minimo utilizzabile di Q (160 km/h).

Per esempio, considerato uno pneumatico con sigla 185/55 R15 82T, la lettera T indica appunto il codice di velocità secondo lo schema crescente sottostante:

  • Q = 160 km/h
  • R = 170 km/h
  • S = 180 km/h
  • T = 190 km/h
  • H = 210 km/h
  • V = 240 km/h
  • W = 270 km/h
  • Y = 300 km/h

Le sanzioni per il mancato impiego delle gomme invernali nei tratti dove ne è previsto l’obbligo sono salate e vanno da 85 a 338 euro.

Le dure sanzioni per i trasgressori non sono ovviamente il motivo principale per il quale è obbligatorio l’utilizzo di pneumatici invernali, dato che si tratta in primis di una pratica molto importante in termini di sicurezza, poiché gli pneumatici invernali permettono, grazie alle loro particolari caratteristiche, di migliorare l’aderenza dell’auto in condizioni di fondo stradale bagnato, innevato o addirittura ghiacciato.

Gli pneumatici invernali, però, non si limitano a garantire maggiore aderenza (e conseguente maggiore sicurezza di guida) solo ed esclusivamente in presenza di neve o ghiaccio, ma rendono meglio e lavorano con più efficienza degli pneumatici tradizionali sia sul bagnato ma anche quando il fondo stradale è asciutto: infatti, gli stessi costruttori, indicano un valore di 7° C (non difficile da raggiungere durante l’inverno in varie parti d’Italia) come “limite di temperatura” al di sotto del quale iniziano ad essere evidenti i benefici di questo tipo di coperture.